Il doppio ex. Giovanni Passiglia: “Spero vinca il Pisa e si risolvano i problemi societari anche perché i tifosi nerazzurri meritano rispetto”

PISA – A due giorni dalla sfida tra Pisa e Vicenza Pisanews/SestaPorta ha contattato un doppio ex, stiamo parlando di Giovanni Passiglia, centrocampista, classe 81, nato a Castelvetrano, in Sicilia, ma sarzanese di adozione.

di Maurizio Ficeli

imagePassiglia ha giocato nel Pisa in serie C nel campionato 2006/07, disputando 27 gare e conquistando la promozione in B con mister Braglia allenatore, giocando in B con i nerazzurri, l’anno successivo, disputando 7 gare. Nel gennaio 2008 passo’ proprio al Vicenza, dove disputò dieci partite.

D. Salve, Giovanni, piacere di ritrovarti sul nostro portale, cosa stai facendo attualmente?

R. “Ho iniziato a lavorare, mi dedico alla famiglia, ad agosto sono diventato padre di una bambina, inoltre continuo a giocare a calcio nel campionato di promozione toscana, nelle file della Pontremolese, ho 35 anni e conto di giocare ancora qualche anno, la passione per il calcio è forte e finché starò bene fisicamente, continuerò ancora a giocare”.

D. Se tu dovessi fare un bilancio sulla tua carriera calcistica, che giudizio daresti?

R. “Sicuramente un bilancio molto positivo, e poi fin da ragazzino desideravo fare il calciatore, quindi mi sono tolto questa soddisfazione alla grande, direi. Inoltre devo dire che non ho rimpianti perché in qualunque piazza ho giocato, ho sempre dato tutto me stesso. L’unica nota negativa è stata la rottura dei legamenti del crociato, nel momento in cui potevo fare ancora qualche anno di serie B, ma, tutto sommato il bilancio e’ super positivo”.

D. Hai giocato nel Pisa, che ricordi porti con te di questa esperienza?

R. “Di Pisa ho solo ricordi positivi. Ho girato tante piazze belle e calorose, ma a Pisa sono stato meglio di ogni altra parte, la gente vuole bene a chi da tutto, ed io con i tifosi pisani ho sempre avuto una buona sintonia. Pisa la porto nel cuore, ho tutt’ora tanti amici lì”.

D. Le vicende attuali del Pisa le stai seguendo?

R. “Certo che le seguo, vedo una situazione assurda e paradossale, per una società ed una squadra che partecipa ad un campionato importante come la serie B. Peccato, perché la squadra sta facendo bene , nonostante lo stop di domenica scorsa con la Spal, è stata una sconfitta casuale, in quanto il Pisa aveva anche due assenze importanti, oltre a giocatori acciaccati, ma a parte questo, io sono fermamente convinto che già da sabato prossimo il Pisa tornerà a fare punti”.

D. Pisa che affronterà un’altra tua ex squadra, il Vicenza, cosa ci puoi dire riguardo ai biancorossi veneti?

R. “Il Vicenza non sta attraversando sicuramente un buon momento, ma è sempre una società ed una squadra importante che ha sempre alternato le sue presenze fra serie A e serie B. Sarà per i nerazzurri una gara difficile da affrontare, ma son sicuro che il Pisa non sbaglierà partita. Sono ex di entrambe le squadre, ma il mio cuore è legato a Pisa, mi informo sempre sul risultato del Pisa e quindi tifo Pisa”.

D. Che giudizio tecnico dai sulla compagine nerazzurra?

R. “Il Pisa ha sicuramente giocatori di valore, cito Ujkani, Lisuzzo, Mannini, Verna, Di Tacchio ed altri, ma i nerazzurri sono forti come collettivo, hanno cementato un bel rapporto ed un legame importante con Mister Gattuso, ed in campo tirano fuori il carattere che gli è stato dato dall’allenatore calabrese”.

D. Concludiamo con un tuo auspicio su questo Pisa – Vicenza che cosa ti senti di dire?

R. “Premesso che a Vicenza sono stato bene, ho giocato li per 6 mesi ed è una bella piazza, io tiferò Pisa e spero che vinca e soprattutto auspico che siano risolti i problemi societari, anche per l’attaccamento alla maglia che hanno i tifosi pisani, che meritano rispetto”.

Nella foto sopra Giovanni Passiglia (foto tratta dal sito della pontremolese calcio)

By