Il doppio ex. Rocco Sabato a SestaPorta: “Gara equilibrata, vinca il migliore. A Pisa due anni intensi in cui ho dato e ricevuto”

PISA – A poche ore dalla sfida tra Cesena e Pisa Pisanews/SestaPorta ha contattato un doppio ex delle due compagini Rocco Sabato, difensore, classe 1982, nativo di Potenza, ma lombardo di adozione, sposato con Ramona Racagni, pavese doc, che presto lo renderà padre. Quest’anno gioca nella Vibonese in Lega Pro, dove lo ha raggiunto l’ex capitano nerazzurro Ciccio Favasuli.

di Maurizio Ficeli

D. Rocco, ben ritrovato sul nostro portale, quest’anno sei alla Vibonese, come è maturata questa scelta?

R. “Diciamo che è stata un pò una sorpresa, in quanto non conoscevo la società e l’ambiente in generale, ma sono stato felice di accettare la proposta fattami dalla Vibonese perché qui ho trovato una società di gente perbene e molto familiare, ed ho sposato volentieri questo progetto che è quello di raggiungere la salvezza”.

D. In questa nuova esperienza sei stato raggiunto da un altro prestigioso ex nerazzurro come Ciccio Favasuli, come hai accolto il suo arrivo?

R. “Benissimo, la nostra squadra aveva assolutamente bisogno di un uomo e di un centrocampista di valore e quindi, sapendo che ci avevo giocato insieme per due anni a Pisa, mi hanno chiesto informazioni su Ciccio Favasuli ed io naturalmente ho detto loro che lui era il giocatore giusto per la Vibonese sia in campo che a livello di spogliatoio”.

D. Riguardo ai due anni trascorsi all’ombra della Torre Pendente, quali ricordi porti con te?

R. “Ricordi di due anni intensi, dove ho dato tanto ed ho ricevuto altrettanto, purtroppo non sempre si riesce a vincere, ma io ed i miei compagni di quel periodo ce l’abbiamo messa veramente tutta per portare il Pisa in alto. Rimane l’affetto per i colori nerazzurri, oltre ai tanti amici che ho là”.

D. Con Ciccio ti capita di parlare del periodo trascorso insieme a Pisa?

R. “Certamente, ed ultimamente abbiamo anche parlato di questo caos societario, riflettendo, tra l’altro, sul fatto che Pisa è una grandissima piazza a livello di tifosi, ma che non riesce, di contro, a trovare pace a livello societario. Auspico che si risolva positivamente la questione societaria, affinché il Pisa possa raggiungere traguardi ancora più prestigiosi”.

D. Del Pisa attuale cosa te ne pare invece?

R. “Direi che è stata allestita una squadra di valore, tra l’altro composta da ragazzi con i quali ho giocato in passato come Andrea Lazzari, mio compagno di squadra proprio nel Cesena, ed Alessandro Longhi, con il quale ho giocato a Trieste, oltre a Daniele Mannini, che era già a Pisa, quando c’ero anche io. Vedo che malgrado le difficoltà avute, questa squadra sta facendo un bel campionato. Si sa, inoltre, che la serie B è un campionato difficile e bisogna cercare di non arrendersi, mettendocela tutta per fare più punti possibili”.

D. Sei anche un ex del Cesena, prossimo avversario dei nerazzurri, che ricordi hai della tua esperienza in terra romagnola?

R. “A Cesena mi son trovato benissimo, sia a livello di società, sia con la gente, molto solare e simpatica come lo sono i romagnoli in genere, inoltre, anche il “Manuzzi” è uno degli stadi più belli a livello di calore, poi quell’esperienza di Cesena mi è servita molto a livello di crescita calcistica, in quanto, in quel periodo, ero giovane”.

D. E sul Cesena, squadra partita con i favori del pronostico, ma che sta facendo un pò di fatica che spiegazione puoi dare?

R. “Sì, sta facendo un pò fatica, ma ciò è dovuto anche al campionato di serie B, dove si può vincere o perdere con chiunque, quindi questo è un torneo molto impegnativo nel quale bisogna sempre dare il 110%”.

D. Come vedi questo confronto fra Cesena e Pisa?

R. “Secondo me sarà anzitutto una gara bella da vedere, dove si affronteranno due squadre competitive, dal passato importante. Vedo una partita equilibrata, ma essendo legato ad entrambe le piazze dico che vinca il migliore, però, qualora finisse in un pareggio saremmo tutti felici e contenti”.

Nella foto sopra di Massimo Ficini, il difensore ex nerazzurro Rocco Sabato

By