Drone al Consorzio di Bonifica per mappature e cartografia

PISA – Continua il processo di innovazione tecnologica del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, che annuncia il prossimo investimento per migliorare le attività tecniche con l’uso dei droni.

Grazie all’utile di esercizio prodotto dall’Ente, una quota andrà ad aumentare il parco mezzi con l’acquisto di un APR, (ndr. piccoli aeromobili a pilotaggio remoto), che sarà utilizzato per effettuare monitoraggi mirati sui corsi d’acqua, soprattutto in zone difficilmente accessibili, e per eseguire in autonomia le letture aerofotogrammetriche e le mappature GIS.
“Il drone è uno strumento che può dare un grande supporto alle attività dei nostri uffici tecnici  che potranno effettuare più facilmente le verifiche sul campo e acquisire un archivio di immagini territoriali che implementeranno il nostro archivio cartografico. – spiega il Presidente Ismaele Ridolfi – Per questo abbiamo deciso di acquisire internamente questa specificità, investendo non solo nell’acquisto del drone ma anche formando i nostri operatori.”

Le applicazioni dei droni alle attività svolte dal consorzio sono molteplici: si pensa ai rilevamenti territoriali, ma anche ai monitoraggi in caso di alluvioni e allagamenti, alle documentazioni foto/video dei cantieri, alle verifiche dei lavori di manutenzione dei corsi d’acqua su grandi distanze. Ma anche all’accesso a zone difficili da raggiungere, come i corsi d’acqua collinari.

All’acquisto del parco volante corrisponderà anche la formazione del personale tecnico secondo i dettami della normativa ENAC.

“Innovazione tecnologica e attenzione ai temi ambientali sono le sfide che vedranno il Consorzio impegnato nei prossimi anni – conclude Ridolfi – in un’ottica di rinnovamento dell’Ente che sia in grado di migliorare la propria attività al passo con i tempi.”

By