Il Ds della Pro Vercelli Massimo Varini: “Contro il Pisa sarà durissima”. Il direttore da quattro anni in Piemonte estromise il Pisa dai play-off con il Brescello

PISA – La vittoria interna di sabato scorso a spese del Trapani e la bella prova di martedì in Coppa Italia a Torino della squadra di Mister Gattuso hanno portato indubbiamente una ulteriore ventata di entusiasmo nella tifoseria pisana, in attesa, anche di sviluppi a livello societario. Però c’è da pensare alla Pro Vercelli ed è per questo che PISANEWS ha contattato il Dg della Pro Massimo Varini, reggiano doc da 4 anni sulla seconda poltrona più importante della società piemontese.

LE NEWS SUL PISA SONO OFFERTE DA:

image

di Maurizio Ficeli

D. Direttore grazie per aver accettato il nostro invito: iniziamo a parlare della sua carriera di dirigente sportivo…

R. “Ho iniziato nella società del Brescello, in serie C/1 e con la squadra emiliana giocai un “brutto scherzo” al Pisa in quella gara playoff all’Arena, dove riuscimmo a vincere nei minuti di recupero. Dopo Brescello sono stato quattro anni nel Vicenza, ho fatto anche l’osservatore, poi giunsi a Sanremo e da li andai a La Spezia, dove stetti 3 mesi costruendo però quella squadra che conquistò, a fine campionato, la serie B da li andai alla Reggiana, squadra della mia città natale, dove rimasi per 3 anni, poi di nuovo Spezia, per altri 6 mesi, ancora un ritorno a Reggio Emilia arrivando in seguito alla Pro Vercelli, dove mi trovo da 4 anni, il primo anno in C/1 gli altri in B sono quindi 3 anni che la squadra milita in cadetteria”.

D. Quindi, un bilancio soddisfacente, vero Direttore?

R. “Direi di si, questa è sicuramente una squadra giovane, composta da giocatori con una età che parte dal 1990 in poi, ma siamo abbastanza contenti di quello che abbiamo fatto e ci auguriamo che nel girone di ritorno i nostri ragazzi acquisiscano ancora ulteriore esperienza, migliorando e crescendo ancora di più”.

D. Che ambiente è quello di Vercelli a livello di società e di città?

R. “Premetto che quando mi trovo a guardare l’elenco delle squadre che partecipano a questo campionato cadetto, li per li mi chiedo cosa ci stiamo a fare, visto che siamo una cittadina di 45.000 abitanti e ci confrontiamo con realtà e società strutturate ad alti livelli, mentre noi siamo una piccola società con un Presidente, il sottoscritto come direttore generale, un Segretario ed il team manager, quindi la differenza strutturale con certe società è evidente, però bisogna dire che la Pro Vercelli è una società che sta bene e lavora bene”.

D. Invece riguardo alla situazione societaria del Pisa, che idea si è fatto?

R. “Premesso che non conosco le difficoltà riguardanti la situazione societaria del Pisa, ma a mio modo di vedere, credo pero che nello scorso campionato di serie C, al mercato di gennaio, siano state fatte delle operazioni indubbiamente importanti, ma forse si è fatto il passo più lungo della gamba e questo lo sta pagando quest’anno, nel senso che se vengono acquistati calciatori con un budget importante, è chiaro che poi se ne può risentire con conseguenze dal punto di vista economico”.

D. Parliamo del Pisa come squadra, che giudizio si sente di dare in merito?

R. “Premesso che Pisa è una grande piazza, con grandi tradizioni calcistiche ed una storia importante, riguardo alla squadra attuale posso sottolineare la grande bravura di Mister Gattuso nell’essere stato capace di saper cementare il gruppo dei giocatori a sua disposizione, specialmente nelle difficoltà, estraniandoli dalle vicende societarie e tenendoli sempre sulla corda”.

D. Infatti, anche a Torino, nella gara di martedì scorso, di Coppa Italia, il Pisa ha tenuto in scacco i granata, che sono riusciti ad aver ragione dei nerazzurri solo ai tempi supplementari. Ha visto la gara?

R. “Si, l’ho vista ed ho potuto ammirare un Pisa che ha fatto una grande prestazione, tenendo duro fino alla fine, poi in 10 ha ceduto, certo che se Lisuzzo, però, ad 8′ dal termine, fosse riuscito a segnare, e li Padelli ha fatto un “miracolo”, sarebbe stato proprio il Toro ad uscire dal campo con le “pive nel sacco”.

D. Concludiamo con un pronostico su Pro Vercelli – Pisa. Che gara prevede?

R. “Per noi sarà una partita importante, la più difficile che dovremo affrontare, in quanto giochiamo contro una squadra come quella nerazzurra, che se è vero che segna poco, però è anche vero che subisce pochi gol: una squadra, quella del Pisa, attenta ed equilibrata, che rispecchia il carattere del suo allenatore. Sicuramente sarà dura per noi, ma ce la metteremo tutta per portare il successo dalla nostra parte”.

By