Due arresti per spaccio in città di ingente quantitativo di marijuana

PISA – Nel pomeriggio di giovedì i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Pisa e della locale Compagnia della Guardia di Finanza, con il supporto della Compagnia di Intervento Operativo dei Carabinieri di Firenze, del Nucleo Cinofili di San Rossore e dei militari del 185° “RAO” dell’Esercito Italiano hanno tratto in arresto due gambiani per detenzione ai fini di spaccio di un ingente quantitativo di marijuana.

Nel corso del servizio, mentre veniva monitorata l’attività di spaccio nella nota Piazza Vallerini, adiacente a Piazza dei Cavalieri, i militari notavano la presenza di un 26enne gambiano, già noto alle forze dell’ordine in quanto vittima lo scorso anno di un aggressione ad opera di tre tunisini dove riportò lo sfregio permanente del viso. Questi, a bordo di una bicicletta, alla vista dei militari, riconoscendoli benché in abiti civili, ha tentato la fuga; gli operatori sono riusciti prontamente a bloccarlo e a portarlo in caserma per gli accertamenti. Il gambiano è stato quindi sorpreso in possesso di circa 10 gr di marijuana, occultata nelle parti intime. Il giovane africano, a seguito dei servizi di osservazione svolti nei giorni precedenti, era sospettato di essere il fornitore dei numerosi connazionali spacciatori di strada che ogni giorno sono presenti nelle vie limitrofe a Piazza dei Cavalieri; numerosissimi gli arresti e le denunce effettuate nell’area nei mesi di ottobre e novembre ai danni di gambiani e senegalesi dediti allo spaccio di marijuana. Avendo contezza della reale abitazione del gambiano, il dispositivo interforze ha quindi proceduto alla perquisizione del domicilio sito in una via a pochi metri dal luogo dove era stato fermato. All’interno dell’abitazione sono stati rinvenuti ulteriori 220 grammi di marijuana e una bilancia di precisione; durante l’irruzione era presente un altro gambiano di 32 anni, con il quale lo straniero condivideva l’alloggio, il quale ha tentato invano di gettare la sostanza nel w.c. riuscendoci solo in parte. I due sono stati quindi tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio e trattenuti nelle camere di sicurezza dell’Arma dei Carabinieri in attesa dell’udienza di convalida prevista per oggi. All’interno dell’abitazione era presente anche una giovane ragazza marocchina, residente altrove ma consapevole dell’attività dei gambiani e deferita a piede libero anch’essa; la sua posizione è al vaglio della magistratura pisana che ne accerterà le responsabilità in merito.

By