Per due giorni stop agli straordinari per il Corpo Vigili Giurati di Pisa

PISA – Stop di due giorni degli straordinari. Le Guardie Particolari Giurate del Corpo Vigili Giurati di Pisa e provincia, dalle 22 dell’ 11 dicembre e fino a domani sera, si stanno astenendo dallo svolgere lavoro straordinario come segno di protesta nei confronti del loro Istituto di Vigilanza Privata.

L’iniziativa è la prima mobilitazione messa in campo dalle Organizzazioni Sindacali Filcams CGIL di Pisa, Fisascat CISL di Pisa e UILTuCS Toscana Costa a seguito dello stato di agitazione proclamato lo scorso 27 novembre. E probabilmente non sarà l’ultima,
visto l’atteggiamento di sufficienza con cui l’Istituto sta trattando i lavoratori e i loro rappresentanti.
“Negli ultimi due anni” dichiarano i sindacati “abbiamo evidenziato alla Direzione del CorpoVigili Giurati di Pisa le crescenti problematiche segnalate dai lavoratori, a partire dai
carichi di lavoro sempre più alti, passando dai vari problemi organizzativi che hanno progressivamente ridotto la qualità e la sicurezza dei vari servizi, fino ad arrivare ai problemi tecnici mai risolti. A partire dall’autunno del 2016” proseguono i sindacati
“avevamo anche avviato un “tavolo tecnico” congiunto, un percorso sperimentale di confronto tra sindacati, lavoratori e responsabili aziendali, con l’obiettivo di elaborare insieme soluzioni ai vari problemi. A distanza di un anno, tale sperimentazione può
considerarsi conclusa con un completo fallimento, a causa del lassismo aziendale e della sua evidente mancanza di volontà di dare risposte concrete ai propri dipendenti.”

Ieri mattina i funzionari e le RSA delle Organizzazioni Sindacali hanno incontrato di nuovo la Società per capire se ci fossero le condizioni per avviare finalmente un serio confronto e
delle corrette relazioni sindacali, ma il confronto non ha fatto altro che confermare le profonde distanze tra le posizioni delle parti.

“L’Azienda ha continuato con la sua solita strategia.” dichiarano i sindacati “Dapprima si negano le problematiche evidenziate dai lavoratori, poi si minimizzano, infine si dice che la soluzione è a portata di mano grazie alle “imminenti” novità tecnologiche ed informatiche su cui il C.V.G. sta investendo da tempo. In alcuni passaggi, hanno avuto persino il
coraggio di provocarci, dicendoci che le GPG dovrebbero mostrare un maggiore senso di responsabilità. Di fronte a questo continuo atteggiamento irrispettoso nei nostri confronti
(e in quelli dei lavoratori), abbiamo risposto con fermezza dichiarando che, se c’è qualcuno che non svolge il proprio dovere, di certo non sono i lavoratori che, al contrario, hanno un tale senso di responsabilità da segnalare costantemente le crescenti
problematiche dei vari servizi, con lo scopo di non perdere clienti ed evitare danni alla Società che potrebbero ripercuotersi sui loro posti di lavoro. Segnalazioni, purtroppo, a cui
l’Azienda non ha mai dato il minimo riscontro, ponendoci davanti il solito “muro di gomma”: disponibili ad ascoltare e ad incontrarsi, ma non a migliorare le condizioni di lavoro delle
Guardie.”

By