Edoardo Raspelli testimonial della mostra mercato del tartufo di San Miniato

SAN MINIATO – Il laboratorio del gusto a cielo aperto più lungo d’Italia, con i suoi due chilometri di prodotti e produttori, avrà un testimonial d’eccezione. Il noto conduttore della trasmissione televisiva Melaverde,in onda prima su Retequattro e ora su Canale 5, Edoardo Raspelli, sarà alla 43°Mostra Mercato Nazionale per celebrare e omaggiare il Re della tavola, il tartufo bianco di San Miniato.  Un fine settimana denso di appuntamenti per i visitatori e golosi che vedrà sabato 23 la presenza dello chef Shady Hasbun che proporrà Kufta Batata, Severino Saccardi che presenterà il libro “Cibi nel mondo” e Tiziana Di Masi che proporrà il teatro civil gastronomico con “Mafie in pentola”.  Non mancheranno, attorno al Tartufo Bianco di San Miniato,  i vini dell’Associazione vignaioli, i laboratori del gusto della condotta slow food e la caccia al tartufo con i cani campioni.  Domenica 24 poi, al mattino Edoardo Raspelli sarà ricevuto nel municipio di San Miniato per poi presiedere, da gran cerimoniere l’evento del giorno, il Cous Cous della pace, della solidarietà e dell’incontro tra i popoli al tartufo bianco di San Miniato.  L’iniziativa, prima del suo genere (Cous cous che incontra il tartufo bianco) sotto il profilo gastronomico, vuole essere un messaggio di pace, di solidarietà e di integrazione tra i popoli dell’Africa, del Mediterraneo e dell’Europa in questo particolare momento storico, da lanciare attraverso un  piatto che unisce tanti Paesi.  A suggellare il messaggio che questo incontro tra cibi di diverse culture evoca, ci saranno i rappresentanti di alcune città del mondo invitate per l’occasione: Betlemme, Silly (Belgio), Apolda (Germania), Villeneuve Lez Avignon (Francia) Boujadour (Sawarawi), Ouagadougou (Burkina Faso), mentre altri paesi stanno aderendo all’iniziativa. A cucinare il Cous Cous  ci sarà lo chef Jean Michel Alberto Carasso, specializzato in cucina greca, medio-orentale e dei paesi del Mediterraneo coadiuvato da Luisa Ghetti.  Il pomeriggio domenicale continuerà con lo chef Mirko Martinelli, già volto noto Rai che proporrà in un cooking show, tre diversi modi per interpretare il tartufo bianco di San Miniato per concludersi alle 18 con le premiazioni della 43°Mostra Mercato. L’attesa è per chi avrà trovato il tartufo più grosso della stagione.  San Miniato detiene infatti, il record del tartufo più grosso del mondo mai trovato, a cui è stato dedicato anche un monumento, e che pesava 2520 grammi.  Durante la premiazione sarà consegnato un bell’esemplare di tartufo bianco di San Miniato a Edoardo Raspelli, per l’impegno, la competenza e la professionalità dimostrata come giornalista e gastronomo italiano e per il modo colloquiale con cui parla di cibo e di agroalimentare, molto apprezzato dai telespettatori nella trasmissione Melaverde prima su Retequattro e ora in onda su Canale 5.  Dopo l’inaugurazione della mostra mercato alla presenza del console del Kuwait e la partecipazione a San Miniato di Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni, Gaetano Gennai e Nicolas Burdisso, e a seguito della consegna del Tartufo di San Miniato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e in attesa di omaggiare i calciatori Giuseppe Rossi e Francesco Totti, la presenza di Edoardo Raspelli rappresenta la miglior chiusura di una manifestazione della 43° Mostra Mercato Nazionale del Tartufo bianco di San Miniato che ogni anno vede la presenza di circa centomila visitatori e ha nell’agroalimentare le sue radici. Alla Fiera di San Miniato sarà presente anche  Ksenia Zaynak: 27 anni, papà italiano e mamma siberiana, campionessa di ginnastica ritmica. E’ stata interprete del promo film di Ettore Pasculli “La febbre italiana “. E’ stata testimonial tra l’altro del Cous Cous Fest 2009 (a San Vito Lo Capo,Trapani),di Wucciria (per l’Università di Palermo), della Fiera Nazionale del Riso Vialone Nano ad Isola della Scala (VR),del Festival Nazionale del Risotto Italiano (a Biella Fiere), del Consorzio del Formaggio Castelmagno con il calendario 2011/2012 e del Consorzio per il prosciutto Crudo di Cuneo a DOP.

By