Educazione alla cittadinanza come materia di studio a scuola. La proposta del Pd

PISAEducazione alla cittadinanza, nuova materia di studio. Questa, in sintesi, la proposta di legge d’iniziativa popolare presentata dall’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni d’Italia e che i 7 consiglieri comunali del Pd, Giuliano Piazzameli, Antonietta Scognamiglio, Matteo Trapani, Olivia Picchi, Andrea Serfogli, Benedetta Di Gaddo e Marco Biondi, chiedono (hanno presentato una apposita mozione)  che venga sottoscritta anche dal Sindaco di Pisa, Michele Conti.

“L’insegnamento dell’educazione civica – così si legge nella mozione – fu introdotto nelle scuola statale media e superiore da Aldo Moro nel 1958. L’ordinamento attuale, in vigore dal 2008, non garantisce lo sviluppo di competenze di cittadinanza  poiché esse sono affidate  in modo generico  a tutti i docenti, in particolare  a quelli delle aree storico –geografiche, filosofica e giuridica.

Occorre recuperare centralità per questa materia di insegnamento e sottolineare con chiarezza che si tratta di un patrimonio di conoscenze  e di strumenti indispensabili per poter realizzare se stessi  e la propria natura di cittadini..

L’insegnamento di Educazione alla cittadinanza non può che essere una materia autonoma, con voto indipendente nei curricula di entrambi i cicli didattici e quindi nelle scuole di ogni ordine e grado”.

Chiunque potrà firmare questa proposta di legge sia in Comune, (ufficio elettorale, vicolo del Moro, 3, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30,e il martedì e il giovedì anche di pomeriggio dalle 15 alle 17) oppure presso le 6 sedi  dei 6 Ctp, (Consigli Territoriali di Partecipazione) e presso la sede distaccata di Riglione del Comune.  Le firme saranno raccolte fino al 5 gennaio 2019.

By