Elezioni Europee, le reazioni delle forze politiche della nostra città al voto

PISA – Molti i commenti, dopo il voto delle elezioni europee, anche da parte delle forze politiche cittadine. “Con questo voto – ha così sottolineato Ranieri Del Torto presidente del Consiglio Comunale – sono state puniti quelli che hanno cavalcato solo la protesta. Il rinnovamento del nostro partito, pur mantenendoci coerenti con i nostri valori e principi, è stato determinante per intercettare quei voti che nel passato avevano guardato ad altri partiti”.

“Dopo questo voto – ha invece dichiarato Diego Petrucci capogruppo in Consiglio Comunale per “Noiadessopis@” – anche se per un analisi completa è opportuno avere anche il quadro del voto amministrativo, non vorrei essere nei panni di Filippeschi!”

“A Pisa rimaniamo il secondo partito cittadino – a commentato Valeria Antoni capogruppo del M5S in Consiglio Comunale – e rispetto alle amministrative dello scorso anno guadagnammo anche qualche migliaio di voti in più. Continueremo nelle nostre battaglie, dal people mover alla sesta porta, e continueremo nella nostre campagna di ascolto, come lo sportello sos e la raccolta di firme per le delibere d’iniziativa popolare!”

“Una vittoria storica, un successo al di là di ogni previsione – ha così dichiarato Ferdinando De Negri capogruppo in Consiglio Comunale per il PD – e che potrà servire per sostenere la stabilità del paese e aiutare il governo nell’attuare quelle riforme tanto necessarie per uscire dalla crisi”.

“Il successo del Pd che si avuto anche nella nostra città – ha invece sottolineato Giuseppe Ventura capogruppo in Consiglio Comunale di “In lista per Pisa” – o meglio di Renzi, dimostra che quando si governa in modo serio i risultati non mancano. L’augurio è che la strada ora intrapresa non venga interrotta!” “Forza Italia a Pisa – aggiunge Giovanni Garzella, capogruppo di FI in Consiglio Comunale – rispetto ad un anno fa, tiene, anzi aumenta in consensi: da 3812 voti pari al 10,76 delle ultime votazioni amministrative del 2013 a 4574 voti pari a 11,07 di oggi.

Questo risultato però non ci fà sorridere, anzi ci pone difronte interrogativi ai quali necessita dare una rapida risposta. A livello nazionale infatti paghiamo lo scotto di un leader che non ha potuto fare campagna elettorale come tutti gli altri e paghiamo la diaspora del fronte moderato”. “Entriamo nel Parlamento europeo – conclude infine Raffaele Latrofa capogruppo in Consiglio Comunale del Nuovo Centro destra (NCD) – e rimaniamo centrali per la stabilita di questo governo. NCD a Pisa è la seconda provincia, come numero assoluto di voti a livello toscano, senza aver avuto candidati Sindaci nelle maggiori città”.

 

20140526-183541.jpg

By