Elezioni: l’analisi del voto a Pisa e provincia. Pd e Pdl perdono da un terzo a metà dei voti rispetto al 2006

PISA – Il giorno dopo si fanno i conti con i risultati elettorali che, hanno consegnato un paese di fatto ingovernbabile con la coalizione di centrosinistra vincente (sia pure di un soffio) alla Camera e con relativo premio di maggioranza. Al Senato invece la maggioranza relativa dei seggi è della coalizione di centro destra. Ma entrambi escono ridimensionati a favore del Movimento Cinque Stelle che manda in Parlamento tantissimi rappresentanti. A livello pisano, in provincia il Pd si conferma il primo partito con il 36.6o per cento alla Camera (38.62 al Senato) pari a 98.938 voti (91.045 al Senato), Sel è al 4.30 (3.92) ed il Centro Democratico allo 0,25 (0.31) con la coalizione al 40.89 (42.86). Il Movimento Cinque Stelle è al 24.63 (23.37) per cento ed è la secodna forza provinciale. Per il Pdl grosso calo di consensi con il 17.18 (17.68), Fratelli d’Italia all’1.52 (1.58), la Lega allo 0.68 (0.71), la Destra allo 0.65 (0.69) ed il Mir allo 0.09 (0.09) per un totale della coalizione del 20.13 (20.76). Non va meglio alla lista Monti che racimola il 6.92, l’Udc crolla all’1.10 e per Fli c’è solo lo 0.38. Il totale della coalizione è 8.41. Al Senato non c’erano ne Udc ne Fli confluiti nella lista Monti che ottiene il 7.97 per cento.  Segue poi Rivoluzione Civile al 3.22 (2.68), Fare per fermare il declino allo 0.94 (0.79), Il Partito comunista dei lavoratori allo 0.69 (0.71), Forza Nuova allo 0.47 (0.45), Amnistia Giustiza e Libertà allo 0.23 (0.24), Amo l’Italia allo 0.19 ed infine Casapound allo 0.13 (0.13). La Lista Io Amo l’Italia non era presente al Senato.

Il dato mette in evidenza come i blocchi consueti siano in netta crisi non solo a livello locale. Questo fatto apre scenari interessanti anche in vista della prossime elezioni amministrative che porteranno prossimamente al rinnovo di molte amministrazioni locali. Inoltre il voto giovane premia Grillo, dato che alla Camera il Movimento Cinque Stelle ha molti più consensi, dovuto al voto dei giovanissimi. Il Pd perde moltissimi consensi in zone un tempo roccheforti. Resta al primo posto ma l’erosione c’è stata. Sel non ottiene il risultato che sperava e che i sondaggi avevano pronosticato. A Pisa città il Centro Sinistra rispetto al 2008 perde il 4.44 per cento, che diventano quasi sedici rispetto al 2006 (era al 60.77 anche se era molto più variegata) . Per il Pdl e la coalizione di centro destra, il totale rispetto al 2008 fa registrare (sempre a Pisa) un calo del 13.65 per cento e del 19.19 rispetto al dato del 2006. Quindi le due coalizioni in sette anni hanno perso complessivamente quasi il 36 per cento dei consensi. Va male la Lega cha passa dall’1.67 allo 0.69 (dati sempre riferiti a Pisa città). Questo per quanto riguarda il Senato. Alla Camera la coalizione di centro sinistra cala del 7.48 rispetto al 2006 e del 18.54 rispetto al 2006 perdendo quindi  quasi un terzo dei voti. Per quanto riguarda il centro destra, perdita notevole rispetto al 2006 con un – 13.54 rispetto al dato del 2006 e di un – 19.68 riseptto al 2008 quando veleggiava intorno al 38 per cento, dimezzando così i voti. Grossa sconfitta per l’Udc che passa dal 6.09 del 2006 al 4.03 del 2006 all’attuale 1.17. Non va meglio alla Lega che dimezza anch’essa il proprio consenso.

You may also like

By