Emergenza Arno conclusa ma monitoraggio attivo per le prossime ore. Foto e video

PISA – Dalla Prefettura arriva la cessata emergenza Arno. Tutto torna nella normalità o quasi dunque, dopo una domenica di emergenza e una notte di paura.

di Giovanni Manenti

Nel pomeriggio verranno revocate dal Sindaco Michele Conti le ordinanze limitative emesse in merito sia alla viabilità che alle attività commerciali.


Un momento della conferenza stampa in Prefettura

In merito a queste ultime peraltro, sono state rilevate delle inadempienze da parte di esercenti di Minimarket che, nonostante fosse stata loro notificata l’ordinanza, hanno deciso di non rispettarla, il che ha determinato l’emissione di 10 verbali di infrazione nel corso della giornata di ieri ed altri 15 stamattina, alcuni dei quali, pur se in minima parte, hanno riguardato anche esercenti italiani.

L’intervista a reti unificate del Sindaco Michele Conti

Un lavoro di monitoraggio che ha visto impegnate circa 500 persone tra Forze Armate, volontari, Protezione Civile e Polizia Municipale, grazie al quale, con una puntuale sinergia e collaborazione e la supervisione della Prefettura e delle Istituzioni (Comune e Provincia), l’evento è stato continuamente tenuto sotto controllo e la cittadinanza puntualmente informata dell’evolversi della situazione.

Le parole del Prefetto Giuseppe Castaldo

“È stata una piena molto impegnativa per tutti – afferma il Prefetto Giuseppe Castaldo e ci siamo subito attivati dalle ore 18 di sabato, allertando l’esercito per poi dare avvio dalla mattinata di domenica a tutte le misure da adottare dato che le previsioni erano preoccupanti, anche se dalla tarda serata la situazione è andata via via migliorando ed il peggio sembra passato anche se continuiamo a monitorare lo stato del territorio e mi è gradita l’occasione per ringraziare sia la Protezione Civile che tutte le altre Forze e le Istituzioni per il lavoro svolto, con ogni protocollo di sicurezza a funzionare al meglio”.

Come si presentava l’Arno lunedì 18 novembre alle ore 9


“Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato a tenere sotto controllo la situazione che nelle prime ore di ieri era alquanto preoccupante – afferma il Sindaco Michele Conti – e tutte le opere di difesa idrologiche hanno funzionato al meglio anche se voglio insistere che devono essere monitorate le opere di manutenzione ordinaria, assicurando che dal pomeriggio verranno revocate le tre ordinanze emesse ieri e Pisa potrà tornare ad operare in assoluta normalità”.

“Mi unisco ai ringraziamenti per coloro che, assieme ai volontari, hanno consentito di monitorare ora per ora la situazione con un centro di monitoraggio aperto in Provincia ed ora anche se non vi sono criticità particolari, dovremo fare il punto di eventuali danni subiti sul territorio, afferma Massimiliano Angori presidente della Provincia – concordando altresì quanto detto in merito all’importanza della manutenzione ordinaria delle strutture”.

“Da parte nostra abbiamo predisposto un servizio molto più accurato rispetto al consueto, afferma Ugo D’Anna Comandante dei Vigili del Fuoco – di cui siamo estremamente soddisfatti, anche se fortunatamente non ha avuto bisogno di essere utilizzato”.

“Mi piace sottolineare l’allerta meteo avanzata dalla Regione in tempo opportuno per poi evidenziare il lavoro comune svolto con assoluta diligenza – afferma l’Ing Pistone (Genio Civile) e puntualità coordinato dalla Prefettura per monitorare la situazione ora per ora, rilevando il funzionamento delle opere idrauliche che hanno garantito il regolare deflusso delle acque, ivi compreso lo scolmatore che ha svolto pienamente il compito per cui è stato costruito”.

AOUP TORNA ALLA NORMALITÀ. Dopo l’ultimo incontro svoltosi oggi in Prefettura sul rischio idraulico dell’Arno, in cui si è passati dallo stato di allerta a quello di attenzione, l’Unità di crisi dell’Aoup – costantemente in contatto con gli altri organi istituzionali preposti al monitoraggio della situazione – è stata sciolta per cui è stato disposto il progressivo ritorno dell’ospedale Santa Chiara alla gestione ordinaria.

By