Emergenza sicurezza. Interviene la presidente della Confcommercio Pisa

Pisa – Si rivolge al Ministro dell’Interno Marco Minniti , la richiesta della presidente di Confcommercio Pisa Federica Grassini  consegnato al Capo della segreteria Achille Passoni e al dirigente di Pubblica Sicurezza Enzo Calabria in occasione dell’incontro dello scorso 18 ottobre al Viminale. 

Come si legge:

“L’emergenza sicurezza non è una percezione!Liquidare l’emergenza sicurezza nella città della Torre come una semplice e ingenua percezione soggettiva è sbagliato, ingiusto e inaccettabile” – questo l’incipit del documento: “Questa immagine di Pisa come città di provincia tranquilla e anche un pò sonnolenta, è stereotipata e completamente falsa. In realtà, la microcriminalità tollerata negli anni ha alterato profondamente l’Identità e le caratteristiche tipiche della città e il rischio di un ulteriore salto di qualità verso delitti come rapine, estorsioni e usura è un fatto fin troppo concreto”.

Geografia dell’insicurezza pisana”, “Biglietto da visita stropicciato e affari in fumo”, “Pisa capitale dell’abusivismo e della contraffazione”, “Ora interventi concreti” sono i capitoli nei quali si articola il documento di Confcommercio Provincia di Pisa. “Non è nostro compito stabilire le concrete modalità per ripristinare decoro, ordine e sicurezza e ciascuno si assuma la responsabilità del proprio ruolo. Un dato è incontrovertibile: Pisa e il suo territorio straordinario hanno diritto a standard di sicurezza all’altezza della propria fama e della indiscussa centralità che questa città riveste per l’intera Toscana Costiera e per il turismo nazionale”.

By