Energie rinnovabili: dal 1° Novembre parte il corso di formazione “Residenze Solari”

PISA – Si terrà dal 1 al 4 novembre, la 9ª edizione del corso di formazione “Residenze Solari” organizzato dal Centro Ricerche Creta di Pisa.

I numeri. Secondo le statistiche ufficiali le abitazioni italiane consumano mediamente più del triplo rispetto alle abitazioni tedesche. Uno ‘spread energetico’ che costa alle famiglie del nostro Paese diverse migliaia di euro l’anno, soldi che vanno letteralmente in fumo. Una dipendenza da fonti straniere che manda in rosso la nostra bilancia commerciale e costringere a costruire ecomostri come impianti di rigasifficazione e piattaforme per la ricerca di petrolio.

Risparmio visibile. Secondo gli studi dei più autorevoli scienziati, è stato provato che grazie all’utilizzo delle energie rinnovabili si può smettere di sprecare metano ed elettricità, sia nelle abitazioni civili che nel posto di lavoro. E si può anche guadagnare molto e a lungo termine, con un investimento garantito dallo Stato. E con il conto energia e le detrazioni fiscali, guadagnare sin da subito.

Il corso. Dal 2009 a Pisa, il Centro Ricerche Creta ha organizzato la prima scuola delle rinnovabili aperta a tutti i cittadini. Quaranta ore di lezioni, visite guidate, dibattiti e approfondimenti, per conoscere tutto quello che c’è da sapere su Risparmio energetico, bioedilizia, pannelli fotovoltaici, pale eoliche, gruppi di acquisto e tanto altro. Un corso unico in Italia che si tiene una volta l’anno. Il corso è a numero chiuso e si tiene negli accoglienti locali del palazzo della Limonaia, un edificio di pregio, in pieno centro storico. Le iscrizioni sono aperte sul sito ancora sino alla fine della settimana prossima. Ci sono solo 10 posti ancora disponibili. Infatti, pur non essendo richiesti requisiti specifici, il numero dei partecipanti è contenuto per permettere lezioni interattive e la nascita di un clima piacevole e famigliare tra i partecipanti che di solito vengono da tutta Italia. E’ possibile iscriversi sul sito gia’ a partire da questo momento e sino ad esaurimento della disponibilita’ dei posti. In altre parole, aspettare anche solo pochi giorni potrebbe precludere la possibilita’ di partecipare.

By