Ernesto Starita: “Ad Arezzo abbiamo saputo soffrire. A Santarcangelo per fare bene”

PISA – A quattro giorni dalla sfida con il Santarcangelo oggi pomeriggio si è presentato davanti a telecamere e taccuini Ernesto Starita, attaccante nerazzurro, tra gli elementi più positivi di questo inizio di stagione.

di Giovanni Manenti

“È stata una grandissima emozione esordire da titolare alla prima di campionato all’Arena davanti ad un pubblico così caldo ed appassionato. Non mi sarei aspettato di essere titolare sin dall’inizio, ma questo dovrà essere uno stimolo per migliorare sempre di più.Ho la fortuna di avere compagni di reparto esperti come Cani e Lupoli da cui ad ogni allenamento cerco di apprendere per acquisire sempre maggiore esperienza”.

“Devo ringraziare anche Mister Favarin per i consigli che mi ha dato durante la prima parte della preparazione, poi si sa come va il calcio. ..Ora con Mister Gattuso noi giovani ci troviamo molto bene, è sempre prodigo di suggerimenti ed incitamenti. Nel nostro gioco la presenza di Cani è importante perché quando lui retrocede a tre quarti di campo noi esterni dobbiamo accorciare per dettare il passaggio. Siamo un gruppo unito, i carichi di lavoro del Mister sono pesanti specie in avvio di settimana ma ci consentono di dare poi il massimo in partita. Io personalmente mi sento all’80% della condizione atletica”.

“La partita di Arezzo è stata dura sul piano dell’agonismo, ma siamo riusciti a tenere bene il campo sino alla fine ed anche Peralta è stato bravo a farsi trovare pronto quando è entrato procurandosi il rigore. Ora andiamo a Santarcangelo convinti di far bene. Gli infortunati Lupoli e Di Tacchio si stanno riprendendo, speriamo anche con il rientro di Cani di poter conquistare i tre punti per mantenersi nelle posizioni di testa in classifica”.

Foto Francesco Batoni

By