Warning: fopen(/var/www/new.pisanews.net/wp-content/uploads/wp-file-manager-pro/fm_backup/index.php): failed to open stream: Permission denied in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 60

Warning: fclose() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 61
Esame Maturità 2014, torna dopo 12 anni un brano di Salvatore Quasimodo - PISANEWS

Esame Maturità 2014, torna dopo 12 anni un brano di Salvatore Quasimodo

PISA – Ha preso il via alle 8.30 di oggi, mercoledì 18 giugno 2014, la prima prova dell’esame di maturità comune a tutti gli indirizzi di studio. Quattro le tipologie che i quasi 500mila studenti coinvolti hanno potuto scegliere: analisi del testo, redazione di un articolo di giornale/saggio breve, tema di argomento storico, tema di ordine generale.

Per quanto riguarda la tipologia A, il ministero ha scelto la poesia “Ride la gazza, nera sugli aranci” dalla raccolta “Ed è subito sera” di Salvatore Quasimodo. La legge dei grandi numeri ha prevalso ancora. Erano 12 anni che non veniva proposto alla maturità un brano del poeta siciliano. Altre tracce d’esame sono su la “Violenza e non violenza nel ‘900” e le “Tecnologie pervasive e nuove responsabilità”, mentre il tema storico propone una riflessione su “Europa nel 1914 e nel 2014: quali le differenze”.

Per il tema di ordine generale è stata scelta una frase di Renzo Piano tratta da “Il Sole 24 ORE” dello scorso 26 gennaio (“Siamo un Paese straordinario e bellissimo, ma allo stesso tempo molto fragile. E’ fragile il paesaggio e sono fragili le città, in particolare le periferie dove nessuno ha speso tempo e denaro per far manutenzione. Ma sono proprio le periferie la città del futuro, quella dove si concentra l’energia umana e quella che lasceremo in eredità ai nostri figli”).

20140618-121635.jpg

You may also like

By