Estela Carlotto lancia la campagna per il diritto all’identità nell’incontro con gli studenti dell’Università

PISA – Estela Carlotto in un incontro appassionato con gli studenti dell’Università di Pisa, ha raccontato la sua storia personale e lanciato la campagna per il diritto all’identità promossa dall’Ambasciata Argentina in Italia con il sostegno della CRUI, la Conferenza dei rettori delle università italiane.

La presidentessa dell’associazione “Abuelas de Plaza de Mayo”, ha parlato a Pisa dei circa 500 “nipoti” nati da madri sequestrate e poi uccise durante la dittatura dei militari argentini e a loro volta dati poi illegalmente in adozione: “Per ora siamo riusciti a restituire la vera identità a 109 di quei bambini, che oggi hanno 30-35 anni – ha detto la Carlotto – Ne mancano ancora 391 e qualcuno di loro potrebbe trovarsi in Italia”.

L’ospite argentina è stata accolta dai saluti del prorettore per l’Internazionalizzazione dell’Università di Pisa, Alessandra Guidi, che ha preso l’impegno di promuovere la campagna delle “Abuelas” tra gli studenti dell’Ateneo. All’incontro erano presenti anche Maurizio Vernassa, docente del dipartimento di Scienze Politiche, Hugo Estrella, docente del Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace, Giovanna Pagani, presidente di WILPF Italia – Lega Internazionale Donne per la Pace e la Libertà, Massimo De Santi, presidente CIEP – Comitato Internazionale Educazione per la Pace, e Carlos Cherniak, capo dell’Ufficio politico e diritti umani dell’Ambasciata Argentina.

“La macro-tragedia della dittatura argentina è fatta di tante micro-tragedie familiari – ha commentato Cherniak – Se l’Argentina è riuscita a uscire dagli anni bui del terrore ed entrare in un processo democratico che oggi compie 30 anni è anche grazie alla capacità delle singole persone che hanno saputo trasformare la loro sofferenza in impegno concreto per la riaffermazione dei diritti civili. Le nonne di Plaza de Mayo ne sono un esempio concreto: da 26 anni si battono per ritrovare i loro “nietos”, portando in giro una causa che oggi ha acquistato una dimensione internazionale”.

Nel suo intervento Estela Carlotto ha illustrato il lavoro delle “Abuelas de Plaza de Mayo” che, oltre a promuovere la ricerca e l’individuazione dei bambini sottratti ai genitori durante la prigionia, verificano se un giovane è veramente figlio di desaparecidos, attraverso l’esame del Dna. Tra i bambini scomparsi c’è anche il nipote di Estela Carlotto, che ha raccontato ai ragazzi di Pisa la sua storia: “Nel 1977 mia figlia Laura è stata sequestrata mentre era incinta di tre mesi ed è stata assassinata dai militari argentini dopo aver partorito. Come succedeva in questi casi, il bambino è stato immediatamente consegnato a una famiglia considerata “affidabile”, in grado di crescerlo secondo i “principi” della rivoluzione, gli stessi per cui i genitori naturali venivano assassinati”.

Quei bambini erano considerati un vero e proprio “bottino di guerra”, perché potevano garantire una continuità della dittatura: “Privati della loro identità, oggi i nostri nipoti sono ancora vivi e possono essere in qualsiasi parte del mondo – ha concluso Estela Carlotto – Visti i legami tra l’Italia e l’Argentina, dove metà dei cognomi è di origine italiana, pensiamo che sia possibile che qualche “nieto” sia arrivato e rimasto qui da voi, forse nelle stesse università in cui erano venuti a studiare. Preghiamo chiunque abbia dubbi sulla propria identità di farsi avanti”.

Il riferimento per rispondere alla campagna delle “Abuelas” è l’ambito diplomatico argentino, consolati e ambasciata. Si può scrivere a dirittiumani@ambasciatargentina.it o dubbio@retexi.it, oppure è possibile chiamare numeri 335 5866777 o 06 48073300. I funzionari dell’ambasciata offriranno il supporto necessario, nonché la più assoluta confidenzialità.

Fonte: Università di Pisa

20131202-192952.jpg

You may also like

By