Ex Asilo Timpanaro. Fratelli d’Italia: “Riappropiamoci dei nostri spazi, no a degrado e abbandono nelle periferie”

PISAFratelli d’Italia non ci sta e respinge con forza le polemiche in merito alla trascuratezza delle periferie cittadine, attraverso una conferenza stampa indetta sabato 20 febbraio 2021 dinanzi all’ex Asilo Timpanaro in via Norvegia, per il quale sono in corso lavori di riqualificazione dell’area a verde che, non essendo stati completati entro il 31 dicembre scorso come previsto, era stata anch’essa oggetto di contestazione.

di Giovanni Manenti

A ribadire quello che è l’atteggiamento di Fratelli d’Italia sul tema delle periferie provvede la Coordinatrice Comunale Rachele Compare: “Da tempo noi sosteniamo come sia l’abbandono che il degrado siano due fenomeni che debbano essere presi in considerazione riappropriandoci dei nostri spazi, tant’è vero che poter rendere queste zone – da tempo dimenticate dalle precedenti Amministrazioni grazie anche al loro disinteresse al riguardo – nuovamente fruibili ed accessibili alla cittadinanza, ritengo che sia uno dei valori aggiunti di questa Amministrazione, ponendoci come traguardo la creazione di un ambiente tranquillo e vivibile per tutti“.

E’ importante investire nelle periferie” – conclude Rachele Compare – “poiché una corretta politica deve partire proprio da tali zone, per anni abbandonate al degrado, e pertanto, nell’agenda di Fratelli d’Italia la riappropriazione degli spazi è una delle battaglie fondamentali che da tempo portiamo avanti, come dimostra  il fatto che, con l’allora Lista Civica “Noi Adesso Pisa”, già nel 2016 intervenimmo proprio su questa zona dell’ex Asilo Timpanaro – del quale occorre specificare come trattasi di 5.700 metri quadrati di terreno di proprietà comunale – e la nostra interrogazione servì quantomeno a mettere un po’ di attenzione sui vari progetti che erano stati presentati, ma di fatto mai portati avanti – anche perché l’area in questione risultò inadatta alla realizzazione degli stessi – rispetto ad una struttura chiusa sin dal 2008 e che quattro anni dopo ha subito anche due incendi dolosi“.

A rimandare al mittente le polemiche e far, viceversa, il punto della situazione, provvede l’Assessore ai Lavori Pubblici Raffaele Latrofa, il quale puntualizza: “Le polemiche sterili e faziose debbano essere lasciate da parte, anche perché sarebbe quanto mai imbarazzante dire che per 20 anni non è stato fatto nulla ed ora invece la verità è che a qualcuno, pur se pochissimi, degli abitanti della zona dà fastidio che stiamo concludendo i lavori programmati, sia pur con qualche mese di ritardo come del resto è normale in questo periodo di emergenza sanitaria, e la nostra presenza questa mattina non è che la conferma della volontà di riqualificare un ambito e ridare al quartiere – con il nostro approccio basato sulla riappropriazione degli spazi – un grosso Parco Pubblico, per il quale sono già stati posti un Gazebo e dei Giochi per i bambini e che sarà completato con un pallaio per le bocce ed alberature a contorno per fornire delle zone d’ombra, così che i cittadini possano tornare a viverlo in un’ottica di caccia al degrado“.

A noi come gruppo politico“, conclude l’assessore, “interessano in particolar modo le periferie e lo dimostriamo attraverso questi fatti concreti, come i lavori in corso per marciapiedi sull’Ospedale di Cisanello, quindi tutto il tratto davanti alla Esselunga e l’altro tratto che scende dal Ponte delle Bocchette e presto annunceremo anche una nuova realizzazione in ambito di Sport all’aperto a Pisanova, mentre per tornare a via Norvegia, sta per avvenire un passaggio epocale che permetterà di risolvere un problema di abbandono con buche sul manto stradale che gridano vendetta e fognature oramai al collasso, vale a dire trasferire da APES al patrimonio comunale questi sedimi su cui sino a questo momento l’Amministrazione non aveva il potere di intervenire, così che entro il prossimo giugno abbiamo intenzione di concludere l’atto formale con l’Ufficio Patrimonio, unitamente alla relativa variazione di Bilancio per realizzare fognature ed asfalti nuovi di zecca, in modo che via Norvegia possa tornare a risplendere come purtroppo mai avvenuto in passato“.

Loading Facebook Comments ...
By