Ex nerazzurri, Manolo Mosciaro dice Pisa: “Spero arrivi in alto”

PISA – L’attaccante calabrese Manolo Mosciaro attualmente in forza al Cosenza (serie D) è un doppio ex della sfida di domani tra Pisa e Catanzaro, ma su chi fare il tifo l’attaccante cosentino non ha dubbi.

Ciao Manolo, anzitutto come stai?

“Sto bene, grazie a Dio sono nella mia citta’ e gioco nel Cosenza, la mia squadra del cuore. Di meglio non potrei chiedere”.

Parlaci allora del tuo Cosenza…

“Il Cosenza è espressione di una grande piazza e non merita assolutamente di stare in serie D, ma dobbiamo, di conseguenza adeguarci a questo campionato e cercare di vincerlo. Riguardo alla societa’ e’ seria e fa il suo dovere con l’intento di riportare Cosenza dove merita”.

Manolo Mosciaro (attaccante del Cosenza)

E del Pisa che ci puoi dire?

“Sta facendo molto bene, spero che continui per raggiungere una posizione importante che porti al massimo traguardo della B. Riguardo alla mia militanza in nerazzurro ricordi belli, da una parte, mi son trovato bene con tutti, giocatori ed allenatori, anche se ho avuto un po’ di problemi con Pagliari”.

Senti qualcuno dei tuoi ex compagni in nerazzurro?

“Si mi sento in particolare con Ciccio Favasuli”

Sei anche un ex del Catanzaro:parlaci anche dei giallorossi…

“Il Catanzaro non sta andando bene, anche se i valori in campo ce li ha, ma vedo il Pisa favorito e poi con il sostegno di un pubblico come quello di Pisa, la vittoria non puo che essere nerazzurra. Io spero che vinca il Pisa, anche perche’ sono cosentino”.

Che idea ti sei fatto del girone B della Lega Pro?

“Ci sono squadre importanti come Perugia, Avellino, Nocerina, Benevento veramente “pericolose” e credo che la spuntera’ chi avra’ la giusta determinazione fino all’ultimo per fare risultati. Fra queste spero ci sia anche il Pisa, perche’ la piazza merita altri palcoscenici”

Vuoi mandare un messaggio ai tifosi pisani?

“Mi son trovato bene a Pisa e sono felice di aver giocato li da voi. Spero  un giorno di ritornare in quello stadio perche’ giocare all’Arena da un emozione ed una sensazione bellissima”.

By