Ex nerazzurri, verso il derby Massimo Melucci: “Abbiamo bisogno di punti”

PISA – Domenica nel derby di Carrara, che si preannuncia difficile per la voglia della Carrarese di abbandonare al piu’ presto l’ultimo posto in classifica, i nerazzurri troveranno sulla loro strada una “vecchia conoscenza”, il difensore che ha militato nel Pisa Massimo Melucci.

Il difensore ha militato nel Pisa  dal 2003 al 2005 collezionando in quei due anni sotto la Torre ben 48 presenze e 3 goals. Alto 193 cm per 83 Kg, romagnolo di Rimini dove e’ nato il 22 Novembre 1978, Melucci è un valore aggiunto per questa Carrarese, vantando un curriculum di tutto rispetto avendo militato a livello di serie C e di serie B in squadre prestigiose come Ravenna, Triestina, Spezia, Venezia, Ascoli, Grosseto, Cittadella, Piacenza, per poi giungere nella citta’Apuana.

Massimo Melucci (difensore della Carrarese)

Massimo ben ritrovato. Come va?”

“Personalmente abbastanza bene mentre invece calcisticamente non è un bel momento per la mia squadra, perche’ i risultati negativi chiaramente influiscono anche a livello professionale;. Inoltre devo fare presente che lo scorso anno ho avuto un brutto infortunio che mi ha tenuto fermo 5/6 mesi dal quale pero’ mi sono ripreso alla grande. Adesso sto bene e non ho nessun problema”.

Domenica affronti il Pisa. Cosa puoi dirci in merito?

“Che è una buona squadra di alta classifica, che sta facendo un buon percorso, ha inoltre ottimi giocatori ed è molto organizzata con individualita’ forti e giovani di valore”.

Conosci di persona o di fama qualche giocatore nerazzurro?

“Personalmente conosco Busce’ per averlo incontrato piu volte come avversario e Mingazzini per aver giocato insieme a lui a Ravenna e nello Spezia per ben 4 anni. Di fama conosco inoltre Perez e Favasuli”.

La Carrarese non è in una felice posizione di classifica…

“Il gioco non è mai mancato purtroppo sono mancati fino ad ora i risultati. Certo se siamo all’ultimo posto vuol dire che tutte quelle avanti a noi a livelli di risultati, son stati piu bravi di noi. Indubbiamente ma solo,ripeto,a livello di punti e non di gioco espresso.

Il Pisa viene dalla sconfitta interna col Perugia e vorra’ riscattarsi ma che avversario trovera?

“Ti dico solo che noi vogliamo fare bene, lottiamo per salvarci ed abbiamo bisogno di fare punti”.

Voi adottate generalmente il 4-4-1-1 e tu che tipo di difesa prediligi?

“Negli anni ho sempre giocato con la difesa a 4 comunque mi e’ indifferente giocare sia con la difesa a 4 sia con quella a 3”.

Sei un ex nerazzurro: che ricordi hai di Pisa?

“Ho giocato da voi 2 anni non sono stati due anni fortunati, in una piazza nella quale giustamente ci sono delle aspettative, ma i risultati non sono venuti, pero’ io in quegli anni ho dato il massimo. Ricordo un ambiente ed una tifoseria appassionata, che vivono il calcio come una grossa festa e dove, magari, ci puo’ essere qualche “problema” quando i risultati non vengono. E’ un po’ la caratteristica delle piazze calde ed appassionate”.

Qualche anno fa ci fu qualche “rumors”su un possibile tuo ritorno a Pisa. C’è qualcosa di vero?

“Si, quando Camilli aveva sia il Pisa che il Grosseto:io stavo lasciando Grosseto e mi fu proposto Pisa ma poi non se ne fece di niente”.

Come vedi il tuo futuro calcistico?

“Mi farebbe piacere giocare ancora per diversi anni, ma dipende anche dalle societa’ che con le nuove regole ed i contributi preferiscono i giovani. E poi in futuro mi piacerebbe allenare”.

E come vedi questo campionato?

“Il nostro obiettivo è di fare i playout, nell’alta classifica vedo un Latina organizzato e rinforzato che puo’ salire direttamente, le altre dietro se la giocheranno fra di loro”.

By