Fabio Catacchini, difensore del Frosinone: “Sono stato ad un passo dal Pisa”

PISA – Il buon inizio di campionato del Frosinone è anche merito della difesa, che ha incassato solo sei reti. Uno dei protagonisti del pacchetto arretrato della squadra laziale è senz’altro Fabio Catacchini.

Il difensore del Frosinone, classe ’84, è nato a Citta’di Castello, con un curriculum di tutto rispetto: 90 presenze in B con Rimini e Frosinone. Tra le altre ha vestito le maglie di Pistoiese e Sansepolcro.

Fabio, una buona partenza di campionato ha consentito al Frosinone di conquistare il primo posto…

“Quest’anno siamo partiti senza proclami, con toni bassi e stiamo ottenendo buoni risultati, mentre lo scorso anno era stata costruita una squadra per vincere che poi non ha ottenuto i risultati sperati”.

Fabio Catacchini, difensore del Frosinone

Qual è secondo te il “segreto”di questi buoni risultati?

“Il nostro “segreto” principale e’ l’allenatore Stellone che conosco ormai da tanto. Il mister conosce ciascuno di noi e sa come prenderci, inoltre anche tutto la staff che abbiamo e’ vincente”.

La difesa è un punto di forza del Frosinone e tu ne sei un pilastro importante:cosa puoi dirci in merito?

“In merito posso dirti che sia la fase difensiva, sia la fase offensiva, vanno di pari passo globalmente. Anche i nostri attaccanti corrono spesso indietro per dare una mano alla difesa”.

In quale schema difensivo ti trovi meglio?

“Giochiamo con il 4-3-3 io faccio il terzino destro ruolo che svolgo da anni e mi piace spingermi in avanti sulla fascia, ma e’ tutta la difesa che deve sempre rimanere concentrata al massimo e soprattutto non dimenticare che abbiamo davanti attaccanti come Aurelio, Ganci e Santoruvo che fanno sempre la loro parte”.

 Che obiettivo vi ponete per questa stagione?

“Ancora e’ presto, anche se obiettivi ce li poniamo come qualsiasi squadra. Andiamo in campo per vincere partita dopo partita. Questo campionato e’ lungo ed equilibrato,diciamo che a 7 o 8 giornate dalla fine del campionato si potra’ trarre le somme”.

Tu sei stato molto vicino a vestire la maglia del Pisa…

“Nel campionato 2005/06, quando giocavo nella Pistoiese, sono stato vicino a passare al Pisa. A Pistoia non stavo giocando ed ero gia’ daccordo col Pisa. Doveva esserci uno scambio fra me e Ragatzu ma poi tutto salto’ ed io rimasi a Pistoia, dove,nel frattempo cambio’ il mister ed io trovai il mio spazio. Di Pisa ricordo in particolar modo il pubblico, sempre presente e caloroso, quando venivo all’Arena a giocare con la Pistoiese e poi col Rimini. Veramente uno stadio con un tifo mozzafiato”.

Che partita ti aspetti?

“Una bella partita, non vediamo l’ora di scendere in campo. Il Pisa ha un attacco molto forte e se e’ nella parte alta della classifica non è un caso; Pisa e Frosinone sono due squadre che giocano un ottimo calcio”.

Che giudizio dai sui nerazzurri?

“Molto positivo, è un mix di giovani con giocatori di esperienza e poi conosco bene Pugliesi e Tulli, per averci giocato insieme nel Rimini. Non a caso ha i punti che si ritrova e poi ha un tecnico come Alessandro Pane, che e’ molto bravo”.

Che giocatore toglieresti alla squadra di Pane?

“Ce ne sarebbero diversi, da Mingazzini,a Favasuli, a Perez che sta facendo molto bene, ma toglierei Tulli, che e’ molto bravo”.

Com’è la piazza di Frosinone e la societa’?

“Sono qui da tre anni e ci sto molto bene, la gente ti vuole bene, specialmente se ti impegni e dai tutto per la maglia. Ci sono stati momenti difficili ma i tifosi frusinati ci hanno sempre sostenuto. Abbiamo inoltre, un presidente, Stirpe, molto ambizioso, che sta impegnandosi molto per rendere questa piazza sempre piu competitiva”.

Puoi darci un giudizio su questo girone B di Lega Pro?

“A mio avviso, rispetto al girone A, questo girone è piu’ bello ed equilibrato anche perche’ nel girone A le squadre lottano, praticamente solo per i playoff, in quanto il primo posto è ormai a favore del Lecce. Il nostro è un girone piu livellato, dove anche le squadre tipo Benevento e Nocerina hanno tutte le potenzialita’ per dire la loro”.

By