Fabio Foglia in esclusiva a Pisanews: “Per noi gara fondamentale, non credo ad un Pisa appagato dal terzo posto”

PISA – Dopo il derby vittorioso contro il Pontedera i nerazzurri domani affronteranno l’ultima gara della “regiular season” andando a far visita ad un Arezzo che malgrado la sua posizione nella parte bassa della classifica, darà sicuramente filo da torcere alla compagine guidata da mister Mario Petrone. Pisanews ha intervistato uno dei giocatori più rappresentativi della compagine aretina: si tratta di Fabio Foglia, centrocampista classe 1989, abruzzese di Giulianova, con un curriculum in squadre prestigiose come Sangiovannese, Piacenza, Teramo, Torres, Maceratese, prima di arrivare ad Arezzo dove e’ un punto fermo nella compagine allenata da Mister Pavanel.

di Maurizio Ficeli

D. Grazie,Fabio per la tua disponibilità sei ad Arezzo da due anni, come sta andando la tua militanza in amaranto?

R. “Se togliamo i problemi extracalcio, direi che sta andando bene. A livello di squadra c’è ancora da raggiungere la salvezza e ce la stiamo mettendo tutta”

D. Tra l’altro sei una pedina importante nello scacchiere della squadra di mister Pavanel.Soddisfatto di questo?

R. “Si, con il mister ho giocato tutte le gare e sono sicuramente soddisfatto anche se si può sempre migliorare,non ho un’età avanzata ed aspiro a fare ancora meglio”.

D. Avete battuto fra le mura amiche il Siena in corsa nella lotta per il primo posto:che gara e’ stata?

R. “E’ stata una gara nella quale abbiamo dato il massimo di noi stessi in un derby che qui ad Arezzo e’ sentitissimo e dove abbiamo messo voglia ed orgoglio al cospetto di un Siena che e’una buonissima squadra,anche se non so se ce la faranno a conquistare la promozione in B direttamente visto che il Livorno ha ripreso a camminare”.

D. Veniamo al PISA, vostro prossimo avversario, che informazioni hai riguardo ai nerazzurri?

R. “Il Pisa e’ sicuramente una delle migliori rose di questo girone. Ha avuto qualche periodo di difficoltà che lo ha portato fuori dal primo posto, ma ha individualità forti. Chiunque gioca e’ di qualità. Insomma una squadra importante con giocatori altrettanto importanti”.

D. Pisa che però sconfiggeste nella gara di andata all’Arena. Cosa ricordi di quella gara?

R. “Mi ricordo che a parte la pioggia incredibile forse capimmo prima del Pisa,come giocare in quel campo mettendo grinta e voglia di vincere e riuscimmo a portare a casa i tre punti”.

D. Che Pisa vi aspettate e cosa non dovrà sbagliare l’Arezzo nell’affrontarlo?

R. “Non dovremmo sbagliare l’atteggiamento cercando di imporre il nostro calcio in una gara per noi fondamentale. Inoltre non credo assolutamente in un Pisa appagato dalla conquista del terzo posto e poi mi risulta che farà un po’ di turn-over e chi non ha giocato fino ad ora vorrà dimostrare che può giocare i playoff, quindi sarà senz’altro una gara durissima”.

D. Come vedi la conquista della promozione diretta e la lotta per i playoff?

R. “Dopo la vittoria di Arzachena vedo il Livorno indirizzato alla conquista della vittoria finale. Riguardo ai playoff vedo sullo stesso piano Siena, Pisa, Catania, Trapani, Reggiana e Sambenedettese anche se ci potrebbe essere qualche sorpresa del tipo la Feralpisalo’ che gioca un buon calcio in un ambiente che non da pressioni e questo potrebbe essere un vantaggio per questa squadra”.

By