Fabrizio Lucchesi: “Il presidente mi ha convinto: rimango. Sono carico e credo nei play-off”

PISA – Il Dg Fabrizio Lucchesi rimane al Pisa. I Dg nerazzurro ha spiegato tutto questo in una conferenza stampa fiume all’Ac Hotel di Pisanova conclusasi pochi minuti prima delle 20.

Direttore, sono state ore convulse…

“Molto convulse. Ho anticipato mezz’ora fa alla squadra e sono contento di dirvi che sono sempre il Dg del Pisa”.

Perchè non lo era più?

“No, lunedì avevo rimesso le mie dimissioni verbali al presidente. Lui lo sapeva e però ha mostrato come era giusto fare il contrario. Me ne sarei andato a titolo gratuito rinunciando anche alle postille del mio contratto che scade nel giugno del 2014, ma con un accordo di massima arriva al 2016”.

Che cosa ti ha fatto cambiare idea?

“Il presidente Carlo Battini che è una persona iper riflessiva e allo stesso tempo istintiva. Mi ha esortato rimanere e come succede tra due innamorati questo è accaduto”.

Fabrizio Lucchesi in conferenza stampa (Foto Massimo Ficini)

Fabrizio Lucchesi riparte con fiducia?

“Come ha sempre fatto. Sono carico di adrenalina, visto che in questi giorni, è stato molto pesante. Ricomincerò a lavorare con voglia e con mille idee come ho fatto fino ad ora”.

Dopo il licenziamento di Pane che cosa ha pensato?

“Il mio stato d’animo era quella di una persona ferita, non tanto per la decisione del presidente di cambiare l’allenatore, che essendo il proprietario e cioè colui che caccia fuori i soldi lo può fare, ma per tutto quello che ho fatto e che sto facendo per il Pisa e ripensando anche alle mille cose che abbiamo condiviso insieme a Battini dal giorno del mio ingresso in società”.

Che idea si è fatta di mister Pagliari?

“Mister Pagliari è un professionista come lo sono io che lavora per lo stesso bene comune: il Pisa. Entrambi dobbiamo raggiungere lo stesso obiettivo e cioè fare bene con questa società”.

Aveva in cuor suo in mente un altro nome per il dopo Pane?

“No, in realtà la linea intrapresa dopo Nocera era stata rafforzare la posizione di Pane, condivisa ed espressa a microfoni aperti dal presidente Battini nel dopo gara”.

Per il dopo Pane si era parlato di Amoroso. C’è niente di vero?

“Sì, Pane era già stato attenzionato da 5-6 settimane da me ed il presidente, però la scelta di sostituire Pane con Amoroso era un rischio troppo grosso che sia andava a correre, quindi abbiamo preferito cambiare. L’intento era quello di lasciare Pane in panchina, dargli l’ultima possibilità con il Frosinone, poi dopo la sosta ci avremmo pensato”.

Crede ancora nei play-off?

“Sì, ci credo perchè il Pisa è in grado di poter vincere o comunque fare bene. Bisognerà essere bravi e fortunati, perchè se saremo solo bravi o solo fortunati non ce la faremo”.

Come ha visto la squadra?

“Benino, quando sono arrivato al campo i giocatori erano sempre pieni di adrenalina perchè l’allenamento era finito da poco”.

Ci sono progetti per il futuro?

“Del futuro preferirei non parlare. Penserei prima a chiudere bene questa stagione, poi ci penseremo più avanti. Posso dirvi che il piano aziendale della società è iniziato da due mesi”

By