Fabrizio Romondini: “Rizzo è un giocatore su cui una società deve puntare”

PISAFabrizio Romondini, centrocampista romano, classe 1977, a pochi giorni dalla sfida tra Paganese e Pisa parla della gara di domenica al “M. Torre”.
Fabrizio, come sta andando la tua esperienza a Pagani?

“Sta andando bene, perche’ dopo un ottimo campionato lo scorso anno, sono riuscito a rimanere in categoria, nonostante l’eta’ e cio’ non e’ poco. La Paganese e’ una societa’ seria, dove c’è un bel gruppo di giocatori ed un allenatore, Grassadonia, giovane ed ambizioso”.

La Paganese ha fatto un buon inizio di campionato. Qual’è il vostro obiettivo?

“L’obiettivo della Paganese e’ raggiungere la quota salvezza prima possibile per poi fare qualcosa di grande. A livello di punti qualcosa manca, vedi l’ultima partita a Prato, dove, nonostante abbiamo perso, abbiamo avuto quattro o cinque occasioni da gol mancate davanti al portiere”.

Il Pisa verra’ a Pagani dopo piu di 30 anni, un campo dove nel 1979 conquisto la serie B. Che ambiente trovera’ come squadra e pubblico?

“Trovera’ un pubblico abbastanza caldo che anche ultimamente ci ha seguito numeroso, un campo che, come terreno, però, non è all’altezza, dove ci sono parecchie buche e non e’ al cento per cento. Un ambiente però non ostile, ma che cercherà di trascinare la squadra alla vittoria dopo l’immeritata sconfitta di Prato”.

Conosci la squadra e la piazza di Pisa?

“Sì, è una piazza importantissima. Pisa è molto calda dove ogni giocatore vorrebbe giocare. Conosco Luca Rizzo, col quale ho giocato insieme nel Pergocrema, ed è un giocatore su cui una societa’ deve puntare perche’ ha corsa e tecnica. Il Pisa poi è la squadra piu in salute del momento perche’ va in gol con qualsiasi giocatore che sia di centrocampo od anche difesa e non solo dell’attacco”.

Non ti sarai certo dimenticato la gara dei play-off quando hai affrontato il Pisa con la maglia del Venezia perdendo ai play-off…

Me li ricordo. i playoff giocati col Pisa quando militavo nel Venezia. Segnai l’1-0 nella regular season e vincemmo all’ultimo minuto.”.

Al Pisa chi toglieresti nella partita di domenica?

“Per la grande stima che ho per lui, toglierei Luca Rizzo, che puo veramente far male”.

Cosa deve temere il Pisa della Paganese?

“Noi puntiamo a fare una prestazione come collettivo piu che alla prestazione del singolo e da li’ possono essere dolori per qualsiasi avversario”.

Un giudizio su questo girone B della Lega Pro?

“Sicuramente è uno dei gironi più difficili degli ultimi anni, anche se non ci sono squadre “ammazza-campionato”. Oltre a squadre come Perugia e Pisa tra le altre non bisogna dimenticare la Nocerina, che e’ forte in tutti i reparti ed ha fior di giocatori tipo Evacuo e Schetter”.

By