Farmacie Comunali dona un defibrillatore alle scuole medie Mazzini

PISA – C’era bisogno di sostituire un defibrillatore nella palestra delle Scuole Medie “Giuseppe Mazzini” in via Orazio Gentileschi a Pisa e, a brevissima distanza di tempo dalla segnalazione da parte del Prof. Alessandro Di Ciolo, ecco che questa mattina un nuovo strumento di ultima definizione è stato consegnato all’Istituto Scolastico, frutto di una donazione da parte di Farmacie Comunali.

di Giovanni Manenti

Logica, la conseguente soddisfazione da parte dell’Assessore alle politiche socioeducative del Comune di Pisa, Rosanna Cardia, la quale tiene a sottolineare come: “la palestra della Scuola Mazzini fosse già dotata di un defibrillatore, che però si è guastato e quindi, considerato altresì che si trattava di uno strumento un po’ vecchio e troppo lungo sarebbe stato il tempo necessario per aggiustarlo, abbiamo deciso di donare all’Istituto un nuovo defibrillatore, oltretutto di tecnologia più avanzata, intervento quanto mai necessario specialmente nei luoghi pubblici, ed in particolare dove vi sono bambini e ragazzi, una dotazione che non deve riguardare solo le Scuole ma anche altre strutture per le quali ci stiamo adoperando”.

 

“Per quanto riguarda, nello specifico, le Scuole Comunali”, conclude Rosanna Cardia, “la copertura con la messa a disposizione di un defibrillatore è pressoché completa, forse ve ne sono alcuni che hanno bisogno di essere rinnovati, ma ci sentiamo tranquilli e tutelati da quel punto di vista, come ha spiegato anche il Dr. Cecchini sulla base della casistica dei soggetti che potrebbero averne bisogno, pur monitorando la situazione e la dimostrazione sta nel fatto che appena una settimana fa il Prof. Di Ciolo ci ha contatto qui dalle Scuole Mazzini per avvisarci che lo strumento si era guastato, abbiamo provveduto con la massima tempestività”.

Cosa ha portato alla decisione da parte di Farmacie Comunali di procedere alla donazione dl nuovo defibrillatore lo spiega il nuovo Amministratore dell’Ente, Andrea Porcaro D’Ambroso, il quale così commenta: “si tratta di una decisione che nasce nel rispetto di quella che è la missione istituzionale dell’Azienda, vale a dire restituire alla cittadinanza i frutti della buona gestione di Farmacie Comunali, trattandosi di un programma già ideato e realizzato negli anni precedenti e che intendiamo portare avanti cercando di installare nuovi sistemi salvavita attraverso l’uso dei defibrillatori in altre realtà che necessitano di questo servizio”.

“In questa ottica”, conclude Porcaro D’Ambrosio, “rivolgo un appello ai cittadini affinché si servano il più possibile delle Farmacie Comunali per l’acquisto de medicinali di cui necessitano, poiché è giusto che sappiano che se comprano da noi poi a loro restituiamo in ordine di servizi necessari per la salute della collettività”.

Per capire quali siano i vantaggi di questo defibrillatore di ultima generazione, ci rivolgiamo al Dottor Maurizio Cecchini, che precisa: “si tratta di strumenti molto sofisticati, pur essendo molto semplici nel loro uso, in quanto hanno istruzioni vocali che possono essere facilmente seguite nelle manovre di rianimazione, ma sono di un’importanza basilare nei casi di arresto cardiaco in quanto altrimenti la percentuale di sopravvivenza non supera l’1%, mentre grazie al defibrillatore aumenta in media sino al 50%, laddove si consideri che a Pisa, negli ultimi anni, su 18 casi in cui se ne è resa necessario l’utilizzo ben 12 persone sono sopravvissute senza alcun danno cerebrale e, cosa più importante, con l’intervento di persone comuni e non medici, infermieri o personale di soccorso, il che significa una percentuale altissima di esito positivo, grazie anche all’aiuto degli organi di informazione che hanno tenuto a sottolineare la problematica relativa alla cosiddetta “morte improvvisa” così da rendere Pisa una delle città più cardio protette d’Italia”.

 

By