Farmacisti e Dottori insieme al sax a “Le Querciole” per i bambini bielorussi colpiti da Chernobyl

SAN GIULIANO TERMEFarmacisti e medici in versione inedita. Ossia, senza camice, e al sax piuttosto che al piano o alla chitarra elettrica.

Tutto questo e molto altro ancora è “Le Querciole for Chernobyl Children”, la serata di solidarietà che si svolgerà sabato sera (21 giugno, ore 20.30) nel piazzale del noto centro medico di San Giuliano Terme e promossa in collaborazione con “Arci 690 – Progetto Cernobyl”, l’associazione da anni impegnata nell’accoglienza dei bambini provenienti dalla regione della Bielorussia più vicina alla città colpita dal grave disastro nucleare del 1986. A loro, infatti, andranno tutti i proventi della serata benefica in cui i medici e farmacisti si esibiranno sul palco e senza camice bianco: Ugo Mugnanini, titolare dell’omonima farmacia, imbraccerà il sax nell’organico della band “No Mamas” mentre il cardiologo Maurizio Cecchini, noto per il suo impegno in favore della diffusione dei defibrillatori, intonerà “My Way” di Frank Sinatra e l’oculista Andrea Rosa al pianoforte. L’ospite d’eccezione della serata sarà l’ad del “Galilei” Gina Giani nei panni, però, di cantante jazz accompagnata dal gruppo “Leaning Tower”.

Il ricavato sarà utilizzato per sostenere i progetti di accoglienza invernale “Arci 890-Progetto Chernobyl”: l’associazione, che da tempo ogni estate ospita fra i 20 e i 30 bambini bielorussi per disintossicarsi dalle radiazioni, recentemente si è impegnata anche i progetti di ospitalità, rivolti agli stessi ragazzi, concentrati nel lungo periodo delle vacanze natalizie.

I posti a sedere sono duecento e l’ingresso è gratuito. Ma, ovviamente, tutti i partecipanti saranno invitati a lasciare un contributo.

By