Federico Eligi in esclusiva a Pisanews: “Palio e Luminara, un grande successo, ma c’è ancora tanto da lavorare. La palestra al Cep? La faremo”

PISA – Le prime due manifestazioni di punta del Giugno Pisano, la Luminara e il Palio di San Ranieri, hanno avuto senza dubbio una grande partecipazione di pubblico. Ieri sera al termine della Regata abbiamo fatto il punto della situazione con l’Assessore al personale del Comune di Pisa con delega alle manifestazioni storiche Federico Eligi.

Federico Eligi, leader dei "Riformisti Per Pisa"
Federico Eligi, assessore al personale con delega alle manifestazioni storiche

Assessore il bilancio di queste prime due manifestazioni di punta del giugno pisano non può essere che positivo…

“La partenza del Giugno pisano e’ stato come sempre molto impegnativo dal punto di vista dell’organizzazione, Un vero tour de Force ristretto. L’amministrazione comunale come ogni anno ha speso molte energie per offrire alla cittadinanza eventi all’altezza della situazione e alla storia della città di Pisa”.

Tutto è filato liscio anche dal punto di vista della sicurezza…

“In un momento di crisi come questo ho visto un salto di qualita importante, anche se siamo consapevoli che c’e ancora molto da lavorare. Siamo qui per questo e il prossimo anno cercheremondi fare ancora meglio”.

image

Che cosa intende quando dice che non siete stati lasciati soli?

“A differenza degli anni scorsi ho ricevuto molti consigli da tutti in primis dai cittadini. L’amministrazione comunale si è impegnata molto dal punto di vista organizzativo, una grossa mano l’abbiamo ricevuta dalla Prefettura, dalle forze dell’ordine che hanno lavorato benissimo e dalle associazioni di volontariato che si sono prodigate davvero i maniera eccezionale. Tutto ha funzionato come avevamo previsto e come ci aspettavano e la cittadinanza ha risposto alla grande”. (nella foto sopra il luogo dove potrà sorgere la nuova palestra al Cep)

Sia la Luminara che il Palio hanno avuto un grande successo di pubblico. Questo è dovuto anche a piccole modifiche apportate in questi anni?

“A vedere così tanta gente mi sono emozionato. Se la Luminara storicamente porta oltre centomila persone sui Lungarni sono stato molto felice per la riuscita del Palio. Ieri sera sulle spallette c’erano centinaia e centinaia di persone e soprattutto una grande partecipazione alla Regata che è la cosa più importante”.

Svolgere la manifestazione in notturna da un po più di fascino…

“Questa è un idea che abbiamo avuto qualche anno fa quando sia il Palio che il Gioco del Ponte avevano avuto un calo di spettatori. Abbiamo deciso di spostare tutto in notturna sia per facilitare gli atleti che il pubblico. Di notte le manifestazioni storiche a Pisa aumentano il proprio fascino. E in questa scelta siamo stati premiati”.

La Rossa ha ancora trionfato. Ormai non è più una sorpresa è una conferma…

“Anche questa volta è stata la più forte. Ha vinto in scioltezza. Direi che c’è da fare i complimenti alla Celeste perché ha fatto una grande gara ed è stata la vera sorpresa. Alla fine di tutto però ha vinto Pisa con il suo magnifico pubblico”.

Molte novità nell’edizione del Palio tra cui la partecipazione di una donna nella barca verde. Come avete accolto questa richiesta?

“Quest’anno per la prima volta abbiamo aperto alle donne. Personalmente quando mi è stato chiesto ho subito avallato questa proposta. Perché non far partecipare anche una donna? Anche le donne nel canottaggio ci stanno dando grosse soddisfazioni a livello di squadre cittadine. Tengo a sottolineare l’altra innovazione di questo Palio che riguarda i Led sulle barche che hanno dato colore e luce agli equipaggi”.

Quali sono i progetti futuri su cui state lavorando?

“Come ho già detto c’è ancora tanto da fare. Non bisogna cullarsi sugli allori perché abbiamo fatto un eccellente lavoro. Il prossimo anno cercheremo di fare meglio. Ci siamo già attivati in prospettiva futura. Tutti i quartieri dovranno avere il loro ricovero e il loro spazio per poter allenarsi e preparare al meglio tutti gli avvenimenti”.

Nel quartiere del Cep manca da tempo una vera e propria palestra. Vi state muovendo in questo senso?

“La faremo. È una delle tante cose in cantiere per il futuro. L’amministrazione comunale ha acquistato due baracche ed il terreno proprio sotto il ponte del Cep nella Golena. Erano abusive e appartenevano ad un privato che ha agevolato l’acquisizione. Li potrebbe anche nascere la nuova palestra del Cep”.

You may also like

By