Festa 8 marzo, il mondo femminile protagonista con il Gruppo Terziario Donna Confcommercio Pisa

PISA – Due aspetti che necessitano di un equilibrio spesso difficile da trovare per molti lavoratori, dipendenti e non. Il seminario “Conciliare i tempi di vita tra mondo lavorativo e privato: soluzioni per un equilibrio possibile” a cura dello Sportello di ascolto promosso dal Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Provincia di Pisa ha affrontato proprio il rapporto che lega quotidianità e professione, anche in occasione della Festa della donna dell’8 marzo.

“Un bel momento di confronto alla soglia di un appuntamento nato per ricordare il ruolo e l’importanza dell’universo femminile, sia nella sfera privata che in quella professionale” dice la presidente del Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Provincia di Pisa Valeria Di Bartolomeo . “Il seminario, condotto dalla counseling coach Desy Vanni, insieme ai colleghi Cristina Pezzia Fornero e Gabriele Diolaiti, e dalle avvocatesse Cristina Agonigi e Linda Sozzi, ha dimostrato che attraverso il dialogo è possibile creare un’empatia che permette di abbattere i confini tra mondo professionale e lavorativo, approfondendo molti aspetti anche dal punto di vista legale e giuridico”.

Il seminario è legato all’attività dello Sportello di Ascolto promosso dal Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Provincia di Pisa. “Un servizio creato da un gruppo femminile, ma assolutamente aperto e dedicato a tutti” spiega Di Bartolomeo “il suo obiettivo è quello di offrire un supporto a lavoratori e lavoratrici, oltre che essere uno strumento di confronto in grado di stimolare una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità”.

Un altro appuntamento ormai consolidato che vedrà protagonista il Terziario Donna è il Premio Donna Impresa, in programma il prossimo 8 maggio, organizzato dal Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Pisa in collaborazione con il Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Livorno. “Il premio giunge quest’anno alla IV edizione, e vuole essere un riconoscimento alle imprese più rappresentative del territorio a conduzione femminile ed evidenziare il ruolo e l’importanza dell’imprenditoria femminile” conclude Di Bartolomeo.

By