Filippo Capitanio, difensore della Reggiana, in esclusiva a Pisanews: “Vedo il Pisa fra le prime tre, ma all’Arena veniamo per vincere”

PISA – Dopo il pareggio a reti bianche a Catanzaro, per il Pisa non c’è un attimo di sosta perche’ mercoledi’ prossimo alle ore 15 all’Arena Anconetani avra’ la visita della Reggiana per la gara ad eliminazione diretta della Coppa Italia Lega Pro. A tal proposito ha parlato in esclusiva a Pisanews.net il giocatore difensore granata Filippo Capitanio

Capitanio, scuola Sampdoria, per due anni e’ stato compagno degli attuali giocatori nerazzurri Bruno Martella e Gianluca Sampietro. Capitanio, che attualmente e’ in comproprieta’ fra Vicenza e Cesena, è nato a Vicenza il 26 aprile 1993 e lo scorso anno faceva parte di quel Pontedera vincente ed ha contribuito ai successi della squadra di mister Indiani, con 29 gettoni di presenza,e da questo anno e’ a Reggio Emilia.

Filippo, bentrovato a Pisanews, che Reggiana vedremo domani all’Arena?

“Una compagine che e’formata da tanti giovani con alcuni giocatori esperti come Alessi ed Andrea Parola, che e’di Pisa, tra l’altro i “vecchi” ci stanno aiutando moltissimo. Siamo un gruppo unito, che si allena al massimo e quando in allenamento stiamo bene poi in campo diventa piu’ facile ottenere il massimo risultato”.

Che girone e’ quello del Nord, che voi state affrontando?

“Il girone A è piu tecnico, ci sono, ad esempio, squadre forti come Cremonese ed Entella Chiavari con organici da serie B”.

Anche il Lecce nel girone B ha un organico forte, ma e’ a zero punti…

“Ma infatti non sempre aver organici forti e’ certezza di vittoria, se non c’e’ il gruppo e la mentalita’ da categoria, i nomi altisonanti lasciano il tempo che trovano”.

Che idea ti sei fatto del girone B?

“E’ un girone fatto di squadre che lotteranno fino alla fine, c’è il Pontedera che sta volando, il Pisa la vedo tra le prime tre squadre piu’ forti del girone, poi ci sono Benevento e Perugia, vedo, ripeto, molto male il Lecce”.

Lo scorso anno eri a Pontedera. Parlaci del tuo periodo in maglia granata…

“A Pontedera eravamo inizialmente partiti per salvarci, poi strada facendo abbiamo inanellato risultati strepitosi, personalmente era il primo anno che ero lontano da casa a giocare in un campionato professionistico e vincerlo subito e’ una sensazione meravigliosa, ho ricordi bellissimi di Pontedera e la Reggiana di ora ha lo stesso spirito di gruppo di quel Pontedera vincente dello scorso anno”.

Proprio domenica prossima c’è il derby Pisa – Pontedera. Che gara ti aspetti da parte dei tuoi ex compagni?

“Il Pontedera è temibile perche’ anche quest’anno, eccetto io ed il portiere Daniel Leone, che siamo a Reggio Emilia, ha mantenuto il gruppo storico, è una squadra fantastica, con un tecnico, Indiani, veramente straordinario”.

Del Pisa prossimo avversario in Coppa che cosa puoi dirci?

“Una squadra ostica, conosco personalmente Bruno Martella e Gianluca Sampietro, coi quali sono amico ed ho militato nelle giovanili della Sampdoria. I nerazzurri hanno Rachid Arma che e’ un valore aggiunto, ma noi verremo li’ per fare la nostra partita e ce la metteremo tutta per vincere, siamo veramente carichi”.

Che tipo di difensore sei?

“Prediligo il gioco aereo e non mi piace buttare via la palla e sono portato ad impostare il gioco. Nel Pontedera di Indiani giocavo in una difesa a tre nel 3-5-2, quest’anno a Reggio sto giocando in una difesa a quattro, con la squadra che generalmente adotta il 4-3-2-1”.

Qual’e’ il tuo sogno nel cassetto riguardo la tua carriera da giocatore?

“Quello di migliorarmi tanto, dare il meglio di me stesso e, perche’ no, arrivare a giocare in serie A ed ogni volta che il Mister mi chiamera’ il mio impegno sara’ massimo per far vedere il mio valore”.

SOTTO FILIPPO CAPITANIO CON LA MAGLIA DEL PONTEDERA (foto tratta da forzapontedera)

20131001-003850.jpg

By