Finanziamenti europei per progetti culturali. Filippeschi: “Doppiamo metterci subito al lavoro”

PISA – “Il lavoro è già cominciato questa mattina (venerdi 28 novembre 2013), un minuto dopo la conclusione della presentazione di “Europa Creativa”, il programma quadro dell’Unione Europa che ha stanziato 1,46 miliardi di euro di finanziamenti dedicati alla cultura per il periodo 2014-2020”.

Lo ha detto senza troppi giri di parole il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi, tirando le conclusioni del seminario che si è svolto nella sala riunioni del Centro espositivo di San Michele degli Scalzi, tenuto dall’eurodeputata Silvia Costa, relatrice al Parlamento Europeo del programma, e rivolto agli operatori pubblici e privati di istituzioni, enti e associazioni culturali cittadini.

«Da oggi si parte anche per questo nuovo percorso, con un tavolo aperto alla partecipazione degli attori culturali cittadini interessati, che avrà il compito di sviluppare progetti in ambito culturale in modo da farsi trovare pronti quando usciranno i primi bandi di questa linea di finanziamento – ha affermato il primo cittadino -. Grazie al lavoro fatto negli anni passati, con i progetti Piuss attualmente in corso che ci hanno permesso di recuperare e riqualificare una parte importante del patrimonio storico-culturale cittadino, e quelli inseriti nel dossier per la candidatura a capitale europea della cultura, non partiamo da zero ma nondimeno – ha proseguito Filippeschi – dobbiamo metterci subito al lavoro dato che si tratta di un’occasione importantissima d’investimento culturale per valorizzare i molti spazi che presto saranno a disposizione proprio grazie agli interventi resi possibili grazie ai finanziamenti intercettati cinque anni con i cosiddetti “Piuss” ».

All’eurodeputata Silvia Costa, ovviamente, è stato affidato il compito di tracciare il quadro d’insieme delle nuove opportunità di finanziamento europee per quanto riguarda la cultura: «Il fondo, che complessivamente è di 1,46 miliardi di euro, è ripartito in due macro-aree – ha spiegato – :824 milioni saranno destinate ai media e in particolare al finanziamento di film, documentari, fiction, prodotti multimediali e d’animazione e sale cinematografiche; 455 milioni, invece, sono destinati ai progetti culturali veri e propri, mentre i rimanenti 183 milioni andranno a finanziare un fondo di garanzia europeo che assicura prestiti alle piccole e medie imprese del settore».

Soddisfatto anche l’Assessore comunale alla Cultura Dario Danti che ha introdotto l’incontro: «Pisa è già oggi al centro di una rete di relazioni di livello europeo e, quindi, ha tutte le credenziali per intercettare nuovi finanziamenti – ha detto -: in tal senso sarà senz’altro utile il grande lavoro di progettazione fatto per predisporre il dossier a sostegno della candidatura a capitale europea della cultura».

Fonte: comune.pisa.it

20131129-184909.jpg

You may also like

By