Fischetti (Lega) e tutto il direttivo si dimettono: “Non siamo interessati a Prima il Nord”

PISA – Terremoto nella Lega Nord a Pisa. Insieme a Francesco Fischetti si dimette tutto il direttivo del carroccio pisano.

Già dalla scorsa primavera abbiamo iniziato a renderci conto di quello che stava accadendo nel nostro movimento, ossia che la brama di potere ha sopraffatto i sacri valori che avevano animato la Lega dalle origini fino a quel momento.

La priorità per la nuova classe dirigente che si è affermata con il congresso federale di fine giugno era appunto quella di gestire il potere, anche a costo di sacrificare l’unità e il consenso che caratterizzavano la Lega è che la rendevano unica, diversa e migliore rispetto agli altri partiti.

Dai giorni del Congresso Federale in poi è stata chiara l’intenzione di abbandonare il patrimonio politico, culturale ed identitario della Lega Nord per andare a costruire un nuovo partito ad immagine e somiglianza degli stili e dei comportamenti del nuovo cerchio magico, rappresentato da Maroni e dai suoi colonnelli. Fino al punto di abbandonare il fondatore e vero capo della Lega Nord Umberto Bossi, nonché il nome stesso del movimento, che è scomparso dalle bandiere , dai volantini e dai manifesti, per fare spazio al nome del nuovo partito “prima il nord”.

Francesco Fischetti (Lega Nord)

Questo “nuovo corso” ha prodotto conseguenze devastanti per la Lega Nord in Toscana è gli slogan sbandierati al Congresso da Maroni sono stati applicati all’opposto. “Soldi alle sezioni” è stato appunto solo uno slogan qui da noi, poiché da segretario comunale di Pisa posso assicurare che non è arrivato un euro alla nostra sezione.

“Più autonomia alle Nazioni” (come la Toscana, perché nella Lega federale ogni regione è Nazione) e “I diamanti sono i nostri militanti” sono state delle vere e proprie fregature: infatti in Toscana oggi la volontà dei militanti conta pari a zero, poiché nonostante che in tutte le altre regioni la Lega sia andata a congresso in concomitanza con quello federale, qui da noi persiste un commissario esterno proveniente da un’altra regione, che fa il bello e cattivo tempo, che ignora completamente la volontà dei militanti della Toscana, che è riuscito a far andar via dalla Lega 3 consiglieri regionali su 3, e circa 20 eletti nei comuni e nelle province, da quando è commissario, e che sta cercando di far andare via anche il nostro Eurodeputato Claudio Morganti, azzerando così la rappresentanza istituzionale della Lega al di sopra delle province. Rappresentanza faticosamente conquistata tra il 2009 e il 2010, negli anni in cui la Lega Nord Toscana aveva un segretario Nazionale democraticamente eletto dai militanti, ossia proprio Claudio Morganti.
E noi che in Toscana, forse più che in ogni altra regione, crediamo nel principio “Padroni a Casa Nostra”, così come non accettiamo che stranieri e meridionali si comportino da padroni a casa nostra, per lineare coerenza non accettiamo, tanto più nella Lega, che uno straniero venga da un’altra regione a fare il padrone a casa nostra: e questo è proprio lo spirito che animò centinaia di anni fa la prima Lega dei Comuni contro Barbarossa, ossia cacciare l’impositore straniero dalla propria terra!

Infine venendo alla situazione della Lega in Provincia di Pisa, anche qui abbiamo subito il nuovo corso, poiché dopo la celebrazione della congresso provinciale lo scorso Luglio, dopo oltre 5 anni di numerosi commissariamenti, che aveva portato all’elezione democratica da parte della assoluta maggioranza dei militanti, di Roberto Sala, è successo che un gruppetto di persone guidate dalla signorina Ceccardi, ha minato il funzionamento della segreteria provinciale, facendola cadere. È successo che commissario nazionale esterno invece di sanzionarla, l’ha addirittura nominata commissario provinciale senza limiti di tempo, contro la volontà della maggioranza dei militanti della provincia, violando ogni principio di democrazia interna e di sovranità assoluta dei militanti, che erano proprio quei principi che ci avevano fatto avvicinare e credere nella Lega.

E qui ritroviamo anche l’ultimo slogan di Maroni al Congresso, ossia “largo ai giovani”: si ma largo solo a qui giovani che obbediscono senza se è senza ma al nuovo cerchi magico a livello federale e a livello toscano, che bramano il potere e che quindi scendono più facilmente a compromessi.

Che si sentono onnipotenti, come è successo a Pisa, dove il commissario provinciale Ceccardi ha interferito con le le politiche locali della nostra sezione comunale, andando a screditare pubblicamente il movimento inseguendo politiche degne dei più superficiali, massificati ed ottusi modi di pensare che odiano chi non vive da occidentale, come gli attacchi inutili alla possibile costruzione di una moschea a spese delle persone di fede islamica su un terreno da loro regolarmente acquistato.

Questo l’unico intervento politico del nuovo commissario provinciale, in violazione dell’autonomia della nostra sezione, quando Pisa è afflitta da problemi molto più gravi ed urgenti, come quello della sicurezza a causa della presenza nel nostro comune del maggior numero di Rom che in qualsiasi altro comune della Toscana (dati ufficiali Regione Toscana) o come quello della progressiva desertificazione sociale ed economica del centro storico, per una pessima gestione del traffico e dei parcheggi, per il degrado imperante e per il numero sempre maggiore di attività acquistate dai cinesi, e in merito al quale si bisognerebbe intervenire immediatamente per invertire questa devastante tendenza. Per tutti questi motivi il sottoscritto in qualità di Segretario Comunale di Pisa della Lega Nord Toscana, insieme alla totalità dei componenti del Direttivo Comunale, rassegnamo le nostre dimissioni e chiudiamo la Sezione Comunale, poiché la Lega Nord in Toscana non esiste più, ma esiste solo Prima il Nord, e pochissime persone, ambiziose ed inconsistenti, rimaste a sostenere questo nuovo partito con la soddisfazione di aver preso il comando di un movimento che non esiste più è con la penosa speranza di trarre vantaggi dal fatto che sono rimasti solo in pochi!

Francesco Fischetti – Segretario Comunale di Pisa Lega Nord Toscana

By