Fondi per le famiglie in difficoltà, il Comune di Calci stanzia 30mila euro

Il Comune di Calci, per l’anno 2019 (grazie anche ai proventi derivanti dalle donazioni del 5×1000 dei calcesani), ha stanziato 30mila euro del bilancio a favore dei residenti in condizioni di difficoltà economiche.

CALCI – Contributo affitti, misure sociali e raddoppiamento dei proventi derivanti dal 5×1000 dei calcesani: è un bilancio in crescita quello stilato dall’amministrazione comunale di Calci che, per l’anno 2019, ha stanziato 30mila euro del bilancio per permettere alle famiglie in condizioni di difficoltà economica (sulla base degli indicatori ISEE) di ricevere un contributo ad integrazione del canone di locazione.
Una decisione presa dalla giunta guidata dal Sindaco Massimiliano Ghimenti all’indomani delle drastiche riduzioni dei fondi regionali e nazionali in materia di contributo affitti e mantenuta ogni anno per non arretrare di un passo nei confronti dei residenti più bisognosi.
“In un delicato periodo economico, caratterizzato da costanti tagli di risorse per i Comuni, riuscire a destinare cifre consistenti del bilancio comunale (anche in crescita rispetto al passato) alle politiche sociali in generale e, in particolare, a quelle della casa è per noi motivo di orgoglio – conclude il sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti -. Ma la felicità e la gratitudine più profonde derivano dal vedere le scelte dei calcesani che, destinando il 5×1000 alle casse del Comune, dimostrano un chiaro segnale di fiducia e attaccamento all’ente nonché alle politiche a sostegno dei più deboli della comunità”.
E se da un lato Palazzo Civico si è impegnato a stanziare fondi propri per incrementare le politiche in difesa delle fasce più “deboli” della popolazione, dall’altro ha potuto farlo anche grazie alla fiducia raddoppiata dei calcesani che hanno deciso di destinare al Comune il proprio 5×1000.
Infatti se, dati alla mano, nel 2012 (su denunce dei redditi 2010) i calcesani che scelsero di donare il 5×1000 al Comune permisero di incassare e destinare alle politiche sociali 2.797 euro, nel 2017 (su denuncia dei redditi 2015) la cifra ricavata dal Comune attraverso le donazioni del 5×1000 è stata di 3.915 euro per arrivare all’anno in corso che vede ben 5.409 euro destinati alla tutela del diritto alla casa.
“Una misura iinvisibile che non suscita clamore ma che aiuta concretamente decine di famiglie della nostra comunità a far fronte alle varie difficoltà quotidiane – interviene l’assessore con delega al sociale Valentina Ricotta -. Il diritto alla casa e la tutela della famiglia rappresentano punti fondamentali del nostro impegno politico”.

By