Franco Lepore, centrocampista della Nocerina: “Pisa squadra tosta che non molla mai,ma la Nocerina ha “fame”e vuol far parlar di se”

PISA – Dopo la vittoria dell’Aquila,nel derby fra fratelli Pagliari vinto dal “pisano” Dino, il nostro Pisa si prepara a ricevere la Nocerina, squadra che ha mancato lo scorso anno la promozione in B perdendo la semifinale con il Latina. A tal proposito abbiamo intervistato un giocatore della squadra attuale, giunto quest’ anno in Campania. Si tratta di un centrocampista, esterno destro, che risponde al nome di Franco Lepore autore del pari della Nocerina domenica scorsa nella gara contro il Grosseto

Franco Lepore e’ nato a Lecce il 16 agosto 1985, ed ha iniziato la carriera in D nella Virtus Castelfranco per poi andare nel Varese dove ,in 4 stagioni, ha segnato 30 goals, poi nel 2009/10, è stato a Lecce con De Canio collezionando 11 presenze ed una rete, successivamente al Rodengo Saiano, Paganese ed ancora Varese. Ultima esperienza nel Real Vicenza per 5 mesi, con 15 reti e 21 presenze che sono valse la promozione in C/2 per i veneti. Ed eccolo ora a Nocera Inferiore, determinato a far bene nelle file dei molossi.

Franco, domenica affrontata il Pisa, che partita ti aspetti?

“Una partita difficile,anche perche’ i numeri danno ragione al Pisa, che è un ottima squadra guidata da un allenatore esperto come Dino Pagliari e con giocatori di spessore come Arma, che ho affrontato come avversario quando giocava nella Spal e poi con Napoli e Mingazzini che conosco di fama e che hanno militato in categorie superiori”.

Che altro puoi dire sul Pisa?

“Ho avuto modo di vederlo in tv col Frosinone ed e’ una squadra tosta che non molla mai ed ha giocatori di qualita’”.

Parlaci della Nocerina…

“La Nocerina di quest’anno, dopo la mancata promozione,è una squadra che ha tanta “fame” e voglia di far parlare di se”.

Quali sono i vostri obiettivi?

“L’obiettivo e’ quello di guardare partita dopo partita, noi giocatori di quest’anno siamo qua per un progetto che ha la societa’”.

Come squadra quali sono i vostri punti di forza?

“Il gruppo è la nostra forza, inoltre, come gioco, non abbiamo un modulo fisso, a seconda delle caratteristiche della squadra avversaria possiamo adottare il 4-3-3, il 4-3-1-2 ed altri moduli ancora. Dipende dall’avversario che affrontiamo”.

Quali sono le tue caratteristiche da centrocampista?

“Sono uno che lavora per la squadra, mi trovo bene col 4-4-2 che di solito adottavano gli allenatori che ho avuto, da Sannino a Maran e Mangia. Dicono che, tecnicamente sono un bravo esterno alto di destra”.

Sei giunto a Nocera dopo l’esperienza al Real Vicenza dove quest’anno milita il nerazzurro Strizzolo. Che realtà e’ la squadra Berica?

“Sono stato 5 mesi li lo scorso anno in D e si respirava aria di professionismo, è un ambiente buono per lanciare i giovani,a me mi ha mandato li il mio ex allenatore Maran,penso che Strizzolo non poteva trovare di meglio”.

Quali squadre vedi favorite per la vittoria finale del girone B della Prima Divisone?

“Vedo un Perugia ben attrezzato, vedo anche il Lecce,vanche se adesso mancato i risultati e poi il Benevento ed anche il Pisa, visto i risultati che sta facendo”.

La Nocerina ha chiesto di poter giocare i derby campani a porte aperte…

“Spero davvero che tutto cio’ si possa concretizzare perche’ avere l’apporto del nostro pubblico e’ molto importante e spero che sia una bella festa”.

Quante possibilità ci sono che si possa attuare questa vostra richiesta?

“Ho sentito dire che qualche spiraglio ci potrebbe essere, attendiamo gli eventi”

20130920-014533.jpg

By