Frane a Palaia e Capannoli: la Regione stanzia un milione e mezzo

PISA – Stanziati dalla Regione Toscana 1 milione e 488mila euro per il territorio provinciale nell’ambito del dods 2020 (documento operativo di difesa del suolo), una buona notizia – afferma il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni – che prevede il finanziamento di sei interventi, in particolare per zone che hanno subito frane come Palaia e Capannoli.

Un impegno mantenuto da parte della Regione per la messa in sicurezza di un territorio sempre più a rischio idrogeologico a causa dei cambiamenti climatici. Già nell’agosto scorso sono stati finanziati con 480mila euro gli studi sul rischio idraulico nei comuni del Distretto del cuoio oltre ai comuni di Pontedera e Santa Maria a Monte.

Nel dettaglio le opere finanziate sono: due nel Comune di Palaia, tra cui la messa in sicurezza della frana i località Casina, con oltre 662 mila euro, e il recupero del versante nord est e sud del quarto lotto in località Toiano, per oltre 309mila euro; 420 mila euro alla Provincia di Pisa per interventi nel Comune di Capannoli, per mettere in sicurezza i dissesti che interessano la valle del Pietraio e la Sp 26.

Tre gli studi di progetto finanziati: nel Comune di Peccioli per la messa in sicurezza del versante sud della frazione di Fabbrica soggetto a franosità, oltre 50 mila euro; nel Comune di Vecchiano, con lo studio idraulico per ridurre la pericolosità da alluvione e rischi o alluvioni da 15mila euro; nel Comune di Terricciola oltre 30 mila euro per uno studio nel centro abitato di Morrona.

Investire in sicurezza del suolo, tramite interventi diretti o con studi sull’aggiornamento delle carte, è un aspetto che sta a cuore alla Regione Toscana, per la sicurezza dei cittadini, ma anche per difendere il dinamismo economico delle aree produttive, le prime a subire contraccolpi economici davanti alle calamità naturali – conclude Pieroni.

By