Fratelli D’Italia: “Documento in autotutela e diffida al Comune di Pisa per patentino antifa”

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Fratelli D’Italia.

“Desideriamo tornare, anche per l’approssimarsi della campagna elettorale vera e propria, sulla spiacevole vicenda del cosiddetto patentino “antifa”, deliberato dalla Giunta comunale -e non dal competente Consiglio comunale di Pisa- il 27 12 2017.

Per tutelarci e rivendicare il nostro diritto a manifestare, abbiamo predisposto un contro-modulo da presentare a integrazione della domanda di concessione di suolo pubblico AL POSTO DEL MODULO STABILITO DALLE LINEE DALLA GIUNTA, illegittimo e incostituzionale, che il Comune di Pisa pretende che sottoscriva chiunque chieda il suolo pubblico. La nostra dichiarazione serve anche come diffida al Comune di Pisa dal limitare L’ACCESSO ALLE CONCESSIONI COMUNALI RELATIVE AL SUOLO PUBBLICO e dal limitare in qualsiasi altro modo la libertà di espressione e l’agibilità politica.

Abbiamo, inoltre, chiesto tramite PEC a SEPI:
– i termini per eventuali ricorsi,
– il nome del responsabile del procedimento col quale viene negato il suolo pubblico a chi si rifiuta di integrare la domanda con modulo “antifa”,
– quale sia la sanzione prevista nel caso in cui decidiamo di fare le nostre iniziative anche di fronte al diniego della concessione.

Tre mail protocollate da giorni, alle quali ancora nessuno ha risposto.

Fonte: Fratelli d’Italia

By