Frediani regala al Pisa i tre punti. Battuto il Santarcangelo (1-0). L’Ascoli è a meno due

PISA – Massimo risultato con il minimo sforzo. Il Pisa incassa tre punti sconfiggendo all’ora di pranzo per 1-0 il Santarcangelo, aggancia L’Aquila e si porta a meno due dall’Ascoli capolista.

Braglia deve rinunciare inizialmente a Iori e Pellegrini non al meglio dopo i rispettivi problemi. Il tecnico nerazzurro schiera contemporaneamente Floriano, Arrighini ed Arma. In difesa Lisuzzo vince il ballottaggio con Rozzio come spalla di Paci, mentre a centrocampo Misuraca ha la meglio su Mandorlini come spalla a centrocampo per capitan Morrone in un 4-2-4 molto offensivo. Il Santarcangelo scende all’Arena con un 4-3-1-2 schema che ha portato a tre risultati utili consecutivi. Agatino Cuttone preferisce Olivi a Polenghi nel quartetti difensivo e schiera Pedrabissi un passo indietro rispetto ai due attaccanti Guidone-Graziani.

image

IL PRIMO TEMPO. I nerazzurri partono bene, Frediani (2′) è protagonista di una buona discesa sulla destra chiamando in causa subito Nardi che però è attento e blocca la sfera sul proprio palo di competenza. Inizia con il piede giusto anche Arrighini, la sua prorompenza offensiva in campo aperto mette in difficoltà il Santarcangelo che pian piano però prende confidenza con l’Arena e al 9′ va al tiro dal limite deviato da un difensore nerazzurro che termina di poco a lato e mette i brividi a Pelagotti. L’occasione più ghiotta per sbloccare il match è della formazione di Braglia: Arrighini si libera molto bene sulla destra, va al cross, Arma prende l’ascensore su un uscita a vuoto di Nardi, impatta il pallone che termina però incredibilmente sul fondo. L’Arena rimane con il gol strozzato in gola. Con il passare dei minuti il Pisa cala in quanto ad intensità. Poche le occasioni da rete. Gli ospiti si fanno pericolosi poco dopo la mezz’ora con una conclusione di Taugordeau bloccata a terra da Pelagotti. Floriano da una parte e Frediani dall’altra cercano di dare vivacità alle fasce laterali, ma c’è tanta imprecisione nei passaggi e la difesa romagnola chiude bene tutti gli spazi. Difficile passare dalle parti di Nardi. Ci prova il Pisa in chiusura di primo tempo (45′) quando Lisuzzo imbecca Arrighini che in campo aperto prende velocità e mette al centro per l’accorrente Floriano che al volo di sinistro trova però i cartelloni pubblicitari. La prima frazione si chiude a reti bianche.

IL SECONDO TEMPO. Nella ripresa subito un cambio per il Pisa: dentro Finocchio e fuori Floriano. Alla prima azione la squadra di Braglia trova il vantaggio: cross di Costa, Frediani batte al volo, la palla termina in rete deviata da un giocatore del Santarcangelo. Grande esultanza del numero undici nerazzurro sotto la tribuna. Il Santarcangelo subisce il contraccolpo psicologico del gol subito, il Pisa continua a spingere (7′). Nardi respinge un tiro dal limite del nuovo entrato Finocchio. Sul proseguo dell’azione Costa mette un gran cross in mezzo per la testa di Arma, che impatta la sfera che però termina sulla traversa. I nerazzurri chiedono anche il corner per una deviazione di Nardi che il direttore di gara pero’ non concede. Al 12′ c’è spazio anche per una conclusione di Andrea Arrighini servito da Costa, Nardi para a terra. Intorno al 15′ Cuttone prova a dare un po di brio all’attacco: fuori Pedrabissi e dentro Radoi. Poco dopo Fourneau della sezione di Roma 1 ammonisce Arma in diffida. Braglia dovrà fare a meno di lui nella trasferta di Gubbio. Poco dopo tocca anche a Misuraca finire sulla lista dei cattivi. Poche le emozioni da segnalare nella parte centrale del match. Mister Cuttone le prova tutte: al 69′ richiama in panchina Graziani e inserisce Argeri. Non è una bella partita, il Pisa cala e di molto l’intensita. Alla mezz’ora fuori anche Arrighini (crampi) e dentro Mandorlini per dare più consistenza ad un centrocampo forse un po stanco. L’ex Brescia entra molto bene in partita ed è protagonista di alcuni buoni fraseggi sulla destra con Frediani. Al 40′ il tecnico nerazzurro da spazio anche a Sini in luogo di Costa, autore di una buona prestazione sulla fascia sinistra del campo. Dopo 3′ di recupero il direttore di gara decreta il successo del Pisa che può affrontare con maggiore serenità la settimana che porterà alla trasferta di Gubbio. Appuntamento dunque al “Barbetti” domenica 25 gennaio alle ore 16.

You may also like

By