Frosinone, numeri da primato. Spezia, crollo verticale

PISA – Nessuna altra squadra, neppure la capolista Verona, può vantare il “ruolino di marcia” del Frosinone di Mister Marino in queste ultime sei giornate di campionato con ben cinque vittorie a fronte di un unico pareggio esterno a Vicenza, “filotto” che ha consentito alla formazione ciociara di risalire dal dodicesimo al terzo posto in graduaroria, ribadendo a pieno titolo il proprio diritto quale pretendente per la promozione diretta in serie A.

di Giovanni Manenti

frosinoneLA SQUADRA DELLA SETTIMANA. Con appena 8 punti nelle prime 7 giornate, e con già tre sconfitte a proprio carico, la panchina di Marino sembrava a rischio, ma il migliorato equilibrio in campo, dove al consueto apporto di reti garantito da Daniel Ciofani, Dionisi e Paganini si è unita una maggiore attenzione in fase difensiva, ha dato alla compagine ciociara quella compattezza che da sempre l’aveva contraddistinta. E dovendo incontrare Ascoli e Ternana in casa e Novara in trasferta nei prossimi tre turni, il “bello” forse deve ancora arrivare.

IL FLOP DELLA SETTIMANA. D’accordo che con il Verona attuale vi è ben poco da fare, ma un crollo di tali proporzioni non era attendibile da parte di uno Spezia che conosce al “Picco” la seconda sconfitta casalinga stagionale ed altresì la seconda consecutiva dopo lo 0-1 di Benevento della settimana scorsa, facendo piombare gli “Aquilotti” in un’anonima posizione di centro classifica a quota 17. Sembra, lo Spezia, la classica formazione che quando è chiamata al “salto di qualità”, viene il cosiddetto “braccino corto”, prova ne sia che contro Carpi, Cittadella, Benevento e Verona ha racimolato un solo punto sui dodici a sua disposizione. Da qui a fine mese, la Squadra di Mimmo Di Carlo è attesa dalla insidiosa trasferta di Bari, riceverà il Cesena e poi affronterà a Chiavari l’Entella in un derby da cui potremo sapere molto di più sulle reali aspirazioni dei liguri per il prosieguo del campionato.

By