Frosinone-Pisa: le pagelle. Tulli super, Mingazzini quanti polmoni hai?

PISA – Con una splendida prova di squadra il Pisa porta a casa il successo dal “Matusa”. Una prova matura, attenta, brillante. La sola pecca è stata come domenica non aver chiuso anzitempo il match.

Infatti il Pisa ha fatto una grande mole di gioco. Dieci i tiri totali (sette nello specchio) con gli ospiti che hanno concluso verso Sepe solo sei volte (tre nello specchio). Il Frosinone ha giocato molto per mettere in fuorigioco i giocatori del Pisa caduti per ben sei volte nella trappola dell’off-side contro le quattro dei ciociari. Il Frosinone ha prevalso sul Pisa solo sui corner: 4-3 per i ciociari. Sono finiti sul taccuino dell’arbitro Saia (sufficienza risicata la sua direzione) ben sei giocatori. Il fischietto palermitano è stato protagonista anche dell’espulsione di Perez, che salterà così come Sabato la gara con il Sorrento di lunedì sera all’Arena.

Giacomo Tulli, autentico protagonista a Frosinone (Foto Massimo Ficini)

Sepe. Nessun intervento straordinario, ma molta attenzione. Perfetto nelle uscite. Voto 6.5

Sbraga. Autentico mastino. Mette la museruola a Ganci. Molti gli interventi in anticipo sugli avanti frusinati. Voto 7

Sabato. Impreciso in qualche occasione. Si fa pericoloso anche in avanti con una punizione nella ripresa. Voto 6.5

Colombini  L’Assessore svolge un lavoro perfetto soprattutto aereo, quando va ad anticipare gli attaccanti locali. Voto 7

Buscè. Altra prova di gran classe per un professionista serio, che si allena tutte le settimane in maniera in intelligente e per far bene. Voto 7.5

Rizzo Soffre tremendamente Aurelio a sinistra. Il terzino non è il suo ruolo e si vede anche se con la palla ci sa fare. Si infortuna ed esce. Voto 6 (dal 15′ st Carroccio. Era la prima grande possibilità che si gioca bene. Buona la sua ultima mezz’ora di gioco. Voto 6+)

Mingazzini. Nove-dieci polmoni. Quanti ne hai?  E’ lui la diga del centrocampo nerazzurro. Un pò troppo altruista quando c’è da chiudere il match nel finale. Lui preferisce allargare a Favasuli anzichè centrare il bersaglio grosso. Voto 7.5

Barberis. Pane ha ragione a dargli fiducia. Il ragazzo ha stoffa e classe in mezzo al campo. Mister Mangia ci aveva visto eccome. Voto 7. (dal 26′ st Fondi Giocatore di quantità. Entra in un momento in cui c’è da mettere legna in cascina e lo fa molto bene. Voto 6.5)

Favasuli. Capitano immenso. Lotta, corre, ci prova almeno in due-tre circostanze, ma prima l’imprecisione, poi Zappino gli negano la gioia del gol. Comunque la sua prestazione non ne risente. Voto 7

Tulli. Per qualche domenica ha lasciato il palcoscenico a Leo Perez, ma a Frosinone ha deciso di riprendersi lo scettro di bomber e con una doppietta delle sue, quando gli altri stavano ripetutamente sbagliando mira, ha portato il Pisa in testa alla classica. Altra roba. Voto 8 (dal 41′ st Scappini. Minuti di sostanza in attesa di dire la sua lunedì con il Sorrento, la sua ex squadra)

Perez. Lotta come un leone. La sua irruenza gli costa l’espulsione nel finale. Alla fine del primo tempo si divora una palla gol immensa. Contro il Sorrento perdiamo una pedina importante. Voto 6.5

All. Pane. Era andato a Frosinone con una mentalità sfrontata. Ha cercato la vittoria e l’ha trovata. Una bella soddisfazione per un allenatorfe che continua a dare la sua idea di calcio ad una squadra che esprime il miglior calcio della serie C. Voto 7.5

FROSINONE (4-3-3): Zappino 6.5; Catacchini 6.5, Guidi 6; Biasi 5.5, Blanchard 6 (26′ st Cesaretti 5); Bottone 5.5 (10′ st Marchi 5.5), Frara 7, Gucher 6.5; Aurelio 7, Santoruvo 5; Ganci 5.5. All. Stellone 5.5

By