Il Frosinone vola. Verona, che crollo!

PISA – La sconfitta interna per 1-2 contro il Perugia di inizio ottobre è ormai solo uno sbiadito ricordo per il Frosinone che nelle successive otto giornate ha realizzato una striscia vincente costituita da ben sette successi ed un solo pari (1-1 esterno a Vicenza), con ciò consentendo alla squadra di Mister Marino di colmare il distacco dalla vetta della Classifica che dopo sette turni era pari a 10 punti.

di Giovanni Manenti

Una formazione, quella “ciociara”, che ha ritrovato l’equilibrio che sembrava smarrito all’inizio e che non ha al suo interno punti deboli nei vari reparti, pur se è in avanti che si fa preferire, potendo contare su centrocampisti con il “vizio del goal” come Soddimo e Paganini e punte di sicuro affidamento quali Daniel Ciofani e Dionisi. Ed ora si è “sbloccato” pure Cocco.

IL FLOP DELLA SETTIMANA. Se servono tre indizi per fare una prova, due così pesanti iniziano a far dubitare sul ruolo di “ammazza campionato” che era stato – forse con troppa facilità – assegnato all’ex capolista solitaria Verona incappata al “Tombolato” di Cittadella nel secondo clamoroso rovescio consecutivo dopo la netta sconfitta interna patita contro il Novara appena una settimana prima. Vero che sull’esito del risultato dell’anticipo di venerdì sera pesa come un macigno la “giornata no” dell’estremo difensore Nicolas, responsabile su almeno tre delle cinque reti subite, ma ciò che ha fatto suonare il classico “campanello d’allarme” è stata la mancanza di reazione dell’undici di Pecchia alle sfuriate offensive dei patavini, con ben quattro reti subite in meno di mezz’ora prima del riposo. Chiaro che, in un campionato lungo come quello cadetto, un “passaggio a vuoto” ci possa stare (lo stesso Cittadella lo ha patito il mese scorso …), e può anche darsi che gli scaligeri abbiano avuto un imperdonabile calo di tensione, in ogni caso niente di meglio che le due prossime gare interne consecutive al “Bentegodi” contro Bari e Perugia per “tastare il polso” alla grande favorita del torneo.

By