Garzella: “Incentivi a chi usa il vuoto a rendere su cauzione”

PISA – Lotta alla plastica e al degrado della movida. Giovanni Garzella, consigliere comunale di “Pisa è”, ha chiesto, tramite un apposito ordine del giorno presentato proprio questa mattina, che i bar, i ristoranti e tutti gli esercizi pubblici, nel caso in cui dichiareranno di non utilizzare più i bicchieri di plastica per la vendita delle loro bevande ma impiegheranno il vuoto a rendere su cauzione, avranno, in cambio, una riduzione sostanziosa sulla Tari, la tassa sui rifiuti.

“E’ sotto gli occhi di tutti – ha così spiegato Garzella, nella foto di questa mattina durante la conferenza stampa – che la plastica è ormai ovunque. Mari, fiumi, spiagge sono invase da ogni sorta di rifiuti di plastica con evidenti conseguenze sulla salute di tutti noi.

Il Governo, nel luglio scorso, ha approvato un regolamento che prevede la sperimentazione del sistema del vuoto a rendere su cauzione per i contenitori, sia di plastica che di vetro, destinati all’uso alimentare. Coloro che aderiscono a questa sperimentazione, dice il decreto, avranno un attestato di benemerenza che sarà pubblicato sul sito del Ministero dell’Ambiente e potranno anche affiggerlo nei loro locali, come esempio assolutamente virtuoso e da imitare.

Io propongo che oltre a questo attestato, agli esercenti virtuosi della nostra città che aderiranno a questa sperimentazione, gli sia concesso anche un incentivo economico, come una sostanziosa riduzione sulla Tari, la tassa su i rifiuti, soprattutto nel caso in cui chiedano un deposito cauzionale ad esempio, per i bicchieri di plastica. Questo aiuterebbe a combattere anche il degrado della movida. Basti pensare alle nostre piazze in che stato sono dopo le nottate, soprattutto estive”.

By