Giampiero Colla patron dell’Albissola: “Il Pisa ci metterà in grossa difficoltà”

PISA – Ospite telefonico di eccezione al Nerazzurro di Massimo Marini su GTV è stato Giampiero Colla, patron dell’Albissola, prossimo avversario del Pisa in campionato che ha parlato della propria realtà calcistica e di come l’ambiente savonese si prepara ad affrontare questa gara contro i nerazzurri in programma domenica prossima all’Arena Anconetani.

                                                                                      di Maurizio Ficeli
Colla parla degli obiettivi della societa ligure e della propria squadra: “Quest’anno cercheremo di salvarci prima possibile facendo un campionato tranquillo. Tre anni fa eravamo in promozione, ora ci troviamo nel calcio professionistico e questo per noi è un grande obiettivo. Come società l’Albissola è virtuosa, una grande famiglia, chiunque viene da noi trova un ambiente sereno. I giocatori giovani alloggiano in una foresteria inaugurata ben 15 giorni fa alla presenza del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Inoltre Albissola è una piazza particolare dove abbiamo un pubblico importante di circa 3/400 persone, anche se attualmente le gare casalinghe le stiamo giocando a Chiavari e ciò è disagevole per il nostro pubblico, ma abbiamo il progetto di uno stadio nuovo proprio ad Albissola, per questo abbiamo già presentato il progetto al comune, dal quale speriamo di avere le autorizzazioni il prima possibile“.
Sul Pisa Colla afferma: “E’ una squadra importante, Davide contro Golia, ci metterà in grossa difficoltà. I nerazzurri si inseriranno certamente nell’alta classifica, ne sono sicuro“. Il presidente ligure conclude parlando delle caratteristiche della sua squadra :”La mia squadra è giovane, ad ogni partita giochiamo con 6/7 under, l’avvento di Mister Claudio Bellucci, ex attaccante del Bologna, al posto di Fossati, che aveva comunque fatto un buon lavoro, ha dato un cambiamento in positivo alla nostra compagine“.
Nella foto sopra il Logo dell’Albissola Calcio tratto da Wikipedia
By