Giancarlo Favarin, pisano doc e neo mister del Gavorrano: “Stiamo preparando bene la gara dell’Arena. Il mese a Bientina è servito al Pisa di Gattuso””

PISA – Il Gavorrano, fanalino di coda del girone A della serie C si è affidato al mister pisano Giancarlo Favarin per risalire la china. E proprio Favarin domenica prossima si troverà di fronte la sua ex squadra, la sua squadra del cuore che nell’agosto del 2015 aveva accarezzato il sogno di allenare, ma con l’arrivo di Rino Gattuso fu costretto ad interrompere la sua avventura sulla panchina del Pisa. Pisanews ha contattato telefonicamente il tecnico di Arena Metato.

di Maurizio Ficeli

D. Giancarlo, grazie per aver accettato l’invito del nostro portale: sei al Gavorrano da pochi giorni e dovrai affrontare subito come avversario la squadra della tua città, che sensazioni proverai?

R. “Belle sensazioni, perchè il calcio riserva anche queste belle cose. Il caso ha voluto che domenica venga a giocare contro il Pisa, affrontando una gara che sarà certamente complicata, dove noi vedremo cosa riusciremo a fare”.

D. Tra l’altro contro un Pisa in serie positiva da diverse giornate…

R. “Sì, è un momento positivo per il Pisa, con quattro vittorie consecutive ed un pareggio importante nel derby di domenica scorsa a Lucca, ma noi ci stiamo preparando al meglio per affrontare questa gara dell’Arena”.

D. Gavorrano che è fanalino di coda, cosa è che non ha funzionato fino ad ora?

R. “La società aveva fatto evidentemente scelte iniziali, compiendo forse valutazioni un pò troppo affrettate su tanti giovani, mentre adesso, dopo sei sconfitte consecutive, è cambiata la strategia e stiamo cercando di inserire alcuni giocatori di esperienza, uno dei quali è Vitiello, per dare un pò di personalità in più a questa squadra”.

D. Se invece tu dovessi togliere qualche elemento in particolare al Pisa su chi cadrebbe la tua scelta?

R. “Toglierei il grande pubblico pisano, di cui anche io, da pisano ne sono un pò parte e che è davvero il dodicesimo uomo in campo. Il Pisa ha una rosa davvero ampia, però io ho tanta fiducia nella mia squadra”.

D. Facciamo un passo indietro, alla tua breve esperienza come allenatore del Pisa…

R. “Sembrava fosse la volta buona che realizzassi appieno il sogno di allenare la squadra della mia città, dopo che ero stato altre due volte vicino al Pisa. Che dire, ho fatto un mese in quel di Bientina fino al 18 agosto, insieme alla squadra di quel periodo, mettendo le basi e creando qualcosa di importante che è servito per il Pisa di Gattuso”.

D. Ed appunto, vedi ancora, in un futuro, la possibilità di allenare il Pisa?

R. “Spero che in un futuro possa essere così, anche se credo che siano state prese altre strade ed è giusto così”.

D. Quali sono le tue favorite per la vittoria finale del campionato?

R. “Penso che le squadre che si possono contendere la vittoria finale siano il Pisa ed il Livorno, con il Siena come terzo incomodo, anche se per me la squadra bianconera non è affatto una sorpresa, perchè ha giocatori forti che tra l’altro conosco e sta facendo molto bene avendo il vantaggio di esser partita a fari spenti, ma renderà la vita durava tutti”.

Loading Facebook Comments ...
By