Giani in visita a Vicopisano: “Valorizzare le aree delle infrastrutture leopoldine”

VICOPISANO – Il prossimo 30 novembre si celebrerà la Festa della Toscana, incentrata sull’opera del granduca Leopoldo e “Quest’anno abbiamo deciso di concentrarci, in particolare, su quanto egli ha fatto in tema di infrastrutture, bonifiche e comunità”.

“Da qui la scelta di effettuare la visita alla Botte sotto l’Arno, che rappresenta forse l’intervento più importante realizzato dal governo leopoldino”. Così il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, questa mattina durante un sopralluogo appunto alla Botte di San Giovanni alla Vena (Vicopisano). Giani, accompagnato dai presidenti dei Consorzi e dai sindaci di zona, ha definito la visita “preliminare, utile ad avviare una discussione per trovare i modi ed i mezzi per la valorizzazione dell’area, che dal punto di vista storico e turistico può dire molto all’intera Toscana e non solo”. Le idee sul tavolo sono tante, ha detto Giani, tra queste “abbiamo ipotizzato anche la realizzazione di un servizio di navigazione dell’Emissario, a disposizione di cittadini e turisti, che permetta anche la visita del tunnel, lungo circa 250 metri, che consente al canale di passare sotto l’Arno, per poi sfociare molti chilometri più avanti in mare”.

A sottolineare la particolarità dell’opera che, dopo quasi 150 anni è ancora perfettamente funzionante, anche il presidente del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, Ismaele Ridolfi (Ente che si occupa della gestione e della manutenzione dell’opera), il presidente del Consorzio di Bonifica 2 Basso Valdarno, Marco Monaco e i sindaci di Buti Alessio Lari, di Calcinaia Lucia Ciampi, di Bientina Corrado Guidi e di Vicopisano Juri Taglioli.

Il Canale Emissario e la Botte di San Giovanni alla Vena, fatta costruire per permettere alle acque di bypassare il Fiume Arno, costituiscono una delle realizzazioni più importanti volute dal Granduca, che assicurò dal 1859 salubrità e sviluppo all’area dove prima si estendeva l’ex lago di Bientina, oggi ormai asciutto.

By