Gianna Gambaccini: “No all’accoglienza a tutti i costi e ai fondi solo per i Rom. Prima gli italiani”

PISA – “Nessuno nega la nobiltà del volontariato quando è sincero. Ci mancherebbe altro, anzi io apprezzo molto questa parte di Italia che si getta a capofitto nell’aiuto del prossimo”. Si apre così la replica dell’assessore alle politiche socio abitative del Comune di Pisa Gianna Gambaccini in merito alle dichiarazioni della Consigliera del Pd Maria Antonietta Scognamiglio che aveva attaccato le politiche della Lega ed in particolare dell’On. Edoardo Ziello.

L’ACCOGLIENZA. L’attenzione dell’assessore si sposta sull’accoglienza: “Ho sempre espresso e continuo ad esprimere forti dubbi sulla ipocrisia dell’accoglienza a tutti i costi così come dell’avvertire incoercibilmente la necessità dell’inclusione rivolta ai Rom. Solo molto raramente questi ultimi manifestano la reale volontà di inserirsi nel tessuto economico e sociale del nostro paese. È l‘ora di dire basta allo stanziamento di fondi solo a favore dei Rom”.

PRIMA GLI ITALIANI. “A Pisa come in Italia ci sono molte cose importanti da risolvere. Molte famiglie italiane sono in difficoltà. Chi come me ascolta quasi quotidianamente le storie di italiani – continua l’assessore Gambaccini – che hanno perso il lavoro e la casa e si trovano a vivere per strada emarginati da tutti, non può fare a meno di pensare al motto “prima gli italiani“ così come è stata nostra promessa ai nostri elettori e che rispetterò in pieno come del resto farà la Lega. Spesso le norme stesse del nostro paese diventano quasi un muro di gomma che impedisce di aiutare proprio i nostri concittadini, ma noi cercheremo insieme di abbatterlo”.

SEGNALAZIONE PANINI E NO PASTI CALDI. Una chiosa finale da parte dell’assessore alle politiche socio abitative del Comune di Pisa riguardo alla Caritas Diocesana, di cui si è molto parlato in questi giorni: “Da segnalazioni che mi sono pervenute – dice la Gambaccini – da parte di utenti apprendo che dal mese di giugno le mense della Caritas – verosimilmente chiuse per la preparazione di pasti caldi – distribuiscono esclusivamente panini ai bisognosi, che spesso hanno anche problemi di salute e che necessiterebbero di una dieta più completa. Sarà mio dovere approfondire e cercare di risolvere questo problema documentate da foto inviate in Comune proprio dai bisognosi che si sono molto lamentati”.

By