Giardino Scotto e Bastione Sangallo belli e possibili

PISA – Da una tariffa di cinquanta euro per un convegno o un’iniziativa culturale di mezza giornata, che diventano cento se la manifestazione si estende si alla mattina che al pomeriggio, ai 1.500 a per l’organizzazione di un banchetto matrimoniale o, comunque, di una festa o di altro evento conviviale lungo non più di sette ore, che salgono a due mila per un evento dello stesso tipo ma della durata di un’intera giornata.

In ogni caso per tutto il prossimo anno sarà sicuramente “bello e possibile” il restaurato Bastione Sangallo del Giardino Scotto, riaperto alla fruizione pubblica e inaugurato nel settembre scorso, grazie ad un altro dei quattordici progetti Piuss che stanno cambiando il volto del centro storico. E che, in attesa del bando pubblico che dovrà individuare il soggetto che ne assumerà la gestione, per tutto il 2014 sarà gestito direttamente dall’amministrazione comunale insieme alle aree all’aperto dell’importante parco pubblico cittadino, le quali potranno essere prese in concessione pagando semplicemente la Cosap, ossia la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, un’imposta che nel 2014 andrà da un minimo di 0,40 euro al metro quadro per attività non commerciali ad un massimo di 0,69 per mercatini ambulanti e attività fieristiche. Fatti due conti, quindi, l’importo totale per un banchetto di dimensioni medie, che solitamente occupa uno spazio di circa trenta metri quadri, oscillerà fra un minimo di 12 euro e un massimo di diciotto al giorno.

“Abbiamo puntato su tariffe decisamente accessibili e alla portata di tutti, benché differenziate in ragione della tipologia di eventi che possono essere organizzati nel Giardino Scotto e all’interno degli spazi recuperati del Bastione perchè vogliamo usare questi dodici mesi di gestione diretta per far sì che la città si riappropri il più possibile di uno spazio recuperato grazie ad uno dei progetti Piuss, e che per lungo tempo è stato inaccessibile ai pisani – ha spiegato Paolo Ghezzi, vicesindaco con delega al verde pubblico, nel corso della conferenza stampa di questa mattina (sabato 28 dicembre) -. Parallelamente stiamo lavorando al bando pubblico tramite il quale individuare il soggetto che gestirà questi nuovi e prestigiosi spazi a partire dall’inizio del 2015 e contiamo di pubblicarlo entro la prossima primavera mentre, nei prossimi mesi, realizzeremo anche qui lavori di sistemazione del terrapieno e delle vie d’uscita esterne, non inclusi nel progetto Piuss ma molto importanti per valorizzare ulteriormente l’immobile prima di assegnarlo al futuro soggetto gestore e già finanziati per un importo complessivo di circa cento mila euro”.

Nel dettaglio le nuove tariffe e le modalità per richiedere la concessione degli spazi del Giardino Scotto e del Bastione Sangallo sono descritti in una delibera approvata dalla giunta comunale dello scorso 3 dicembre e che diventerà esecutiva a partire dai primi giorni del 2014. Le aree che possono essere date in concessione sono i locali all’interno della fortezza e, per quel che riguarda gli spazi all’aprto, i viali principali, l’arena grande e le aree limitrofe, il gazebo al di sopra del fortilizio le terrazze all’ingresso da Piazza Toniolo e il pergolato lato Arno. Per prenotarle è necessario presentare all’Ufficio Verde e Arredo Urbano l’apposita domanda con almeno 60 giorni anticipo nel caso di manifestazioni di richiamo nazionale e internazionale, trenta per eventi conviviali che prevedono servizio catering e 15 giorni per iniziative e manifestazioni culturali. La richiesta, per il quale è già stato predisposto un modulo prestampato, dovrà indicare ovviamente la denominazione giuridica del richiedente e i nomi dei responsabili, ma anche il periodo e gli spazi interessati dall’evento, e soprattutto una descrizione dell’iniziativa e il numero massimo di ospiti previsti dato che all’interno del Bastione la capienza massima è di cento persone mentre all’esterno, in orario diurno, non si possono superare le 1.200 persone su tutto il Giardino “Scotto” e di notte le 600 nella sola arena grande, l’unica utilizzabile nella fascia oraria serale.

Oltre alle tariffe citate i soggetti interessati alla concessione devono mettere in conto anche la sottoscrizione di una polizza fideiussoria contro il rischio danni che garantisca una copertura assicurativa di entità variabile (dai 10 mila euro per le iniziative a carattere socio-culturale alle 70mila per gli spettacoli pubblici in orario notturno) ma dal costo quasi mai superiore ai 300 euro. Qualora, poi, l’evento in questione si protragga oltre il normale orario di apertura del Parco, chi lo organizza dovrà farsi carico anche della copertura servizio di pulizia, custodia e guardiania alla ditta incaricata dall’amministrazione comunale per un importo stimabile in circa 25 euro l’ora per ogni lavoratore impiegato.

Gli spazi saranno concessi gratuitamente a tutte le scuole comunali che ne faranno richiesta mentre i soggetti che organizzano eventi socio-culturali in orario di apertura al pubblico e utilizzando unicamente le attrezzature disponibili non sono tenuti a sottoscrivere la polizza fideiuossoria.

Tutta la modulistica a partire dall’inizio dell’anno potrà essere scaricata dalla pagina web dell’Ufficio Verde e Arredo Urbano della rete civica (www.comune.pisa.it) oppure richiesta scrivendo alla mail s.fascetti@comune.pisa.it.

LA FOTO SOTTO E’ TRATTA DA WIKIPEDIA.IT

20131228-162643.jpg

By