Gioco del Ponte, presentate le iniziative 2018

PISA – Presentate presso la Sala Stampa del comune di Pisa le prime iniziative legate alla ricorrenza del Gioco del Ponte che proprio in questo 2018 festeggia i suoi 450 anni di vita, in quanto la prima edizione conosciuta risale al 22 febbraio 1568.

In particolare, verrà allestita una mostra a tema denominata “Il Gioco dei Signori Pisani“, presso il Fortilizio della Cittadella, che verrà inaugurata sabato 24 marzo, contemporaneamente all’inizio delle attività del Capodanno pisano e che si protrarrà sino a fine giugno. In parallelo, anche quest’anno il Comune realizzerà un calendario delle iniziative culturali che ruoteranno intorno agli eventi ed al riguardo ha pubblicato un bando per le Associazioni e gli Enti che vogliono essere inseriti nel calendario delle iniziative.

“La conferenza stampa di oggi è per ricordare questo importante compleanno del Gioco – dice Federico Eligi assessore alle manifestazioni storiche
manifestazione radicata nella nostra città e proprio per questo abbiamo inteso creare un evento che ne ripercorre la Storia, esaudendo una richiesta che da più parti ci è stata avanzata attraverso la dedica di uno spazio espositivo sotto forma di una mostra presso il Fortilizio della Cittadella con l’intenzione di renderlo in futuro un luogo permanente. La mostra verrà inaugurata il 24 marzo prossimo e durante la settimana sarà a disposizione delle scuole al fine di dare una lettura immediata del Gioco in quanto moltissimi giovani, pur se nati a Pisa non sono di origine pisana e pertanto non possono ricevere in famiglia la tradizione della manifestazione. Così che il Capodanno pisano di quest’anno sarà principalmente incentrato su questa importante ricorrenza in merito alla quale stiamo altresì pensando a coniare una medaglia commemorativa. A differenza degli altri anni, il 24 non avremo la cena inaugurale del Capodanno pisano e pertanto ci auguriamo che nel corso degli eventi del Capodanno pisano ci saranno eventi legati all’aspetto culinario che ci auguriamo possano privilegiare la qualità dei cibo e se possibile, abbinata anche ad addobbi in costume d’epoca. Il 25 marzo è la giornata clou del Capodanno Pisano e, cadendo di domenica avremo la partecipazione dei Comuni della Provincia che si esibiranno in Piazza dei Cavalieri ai quali dovrebbero aggiungersi gruppi storici della nostra Regione, sempre in costume storico e, nel pomeriggio, sarà attrezzata l’area della Cittadella con una mostra degli eventi storici dei Comuni della Provincia”.

“Per le aziende facenti parte delle Associazioni di categoria è stato istituito un bando per coloro che vorranno essere inseriti nel calendario delle iniziative – dice Francesca Amore – circostanza che consentirà una forte visibilità anche attraverso il sito dell’Amministrazione comunale”.

“Accogliamo con favore l’iniziativa legata ad una ricorrenza importante come il Gioco del Ponte – afferma Alessandro Trikes e – attraverso una due giorni che potrà consentire ad un flusso turistico oltre che cittadino con i ristoranti che presenteranno menu con cibi caratteristichi e presentati in costumi storici”.

“Anche Confesercenti apprezza il lavoro dell’Assessore Eligi – afferma il presidente di Confesercenti Romoli – per un evento che sempre più si colloca in un calendario importante per le manifestazioni storiche della nostra città ed abbiamo raccolto la richiesta per fornire la nostra massima collaborazione per far sì che anche i nostri associati possano dare il loro fattivo contributo nell’ottica di questa rivisitazione del menu medioevale che vorremmo incentrare su di un menu unico da far proporre da tutti i ristoranti dislocati nelle varie zone della città”.

“La celebrazione dei 450 anni è importante quale occasione per far conoscere la storia in una ottica di sempre maggiore successo del Gioco – afferma Baldassari – ed il Capodanno pisano è la data di lancio per le successive iniziative che come parte di Tramontana avremo occasione di porre in atto”.

“Anche noi di Mezzogiorno – dice il Generale Del Punta – siamo onorati dell’inserimento della ricorrenza dei 450 anni del Gioco all’interno del Capodanno pisano e ci stiamo organizzando verso o bambini e le scuole con visita guidata alla mostra per fare sempre più conoscere la manifestazione”.

By