Giovedì 26 gennaio torna il Consiglio Comunale con cinque question time

PISA – Ben 5 question time apriranno la seduta di giovedì 26 gennaio (dalle 15, sala Regia del Comune) del Consiglio Comunale.

Al primo, presentato dalla consigliera Virginia Mancini (Pdl-fi), sul cantiere privo di segnalazioni a Calabrone, risponderà l’assessore Andrea Serfogli. Al secondo, presentato dal consigliere Marco Ricci (unacittàincomune-prc), sull’utilizzo di terreni comunali per finalità private, risponderà l’assessora Ylenia Zambito.

Al terzo, presentato dal consigliere Stefano Landucci (Possibile), sulla nuova sezione alle Scuole Quasimodo a Calambrone, risponderà l’assessora Marilù Chiofalo. Al quarto, presentato dal consigliere Maurizio Nerini (noiadessopis@), sull’aumento dei canoni per i rimessaggi, risponderà, di nuovo, l’assessore Andrea Serfogli.
Al quinto, infine, presentato dal consigliere Marco Ricci (unacittàincomune-prc), su dove si trovano i migranti minori arrivati a Pisa, risponderà l’assessora Sandra Capuzzi.

Il Consiglio Comunale, dopo alcune interrogazioni, come quella del consigliere Maurizio Nerini (noiadessopis@) sull’utilizzo di veicoli elettrici per il trasporto pubblico e dopo alcune interpellanze, come quella del consigliere Ciccio Auletta (unacittàincomune-prc) sull’accoglienze di migranti presso la cosiddetta exPolveriera del Cep, discuterà di alcune emendamenti al Regolamento per la disciplina dei taxi e della nuova convezione fra il Comune di Pisa e la Fondazione Teatro di Pisa per il triennio 2017-2019.

“La Fondazione Teatro di Pisa – come si legge nella relazione del Direttore Amministrativo, Andrea Paganelli, che si allega– “ha conseguito e consolidato gli obiettivi fissati nel piano triennale trascorso, nonostante considerevoli variazioni negative nell’assegnazione delle risorse da parte del Ministero e della Regione Toscana, mentre, comunque, viene confermato che “anche per il triennio 2017/2019, l’attività del Teatro di Pisa si articolerà nei vari segmenti, come ,danza, prosa, lirica ecc. In questa relazione viene anche ricordato che, nel corso di quest’anno, “ricorrerà il 150° anniversario della Fondazione del Teatro G-.Verdi”.

By