Giovedì 27 Aprile alla Saletta ETS si parla di Albert Camus

PISA – Il Dottorato in Scienze Politiche – Università di Pisa in collaborazione con Istituto di Diritto Politica e Sviluppo – Scuola Superiore Sant’Anna presenta per giovedì 27 aprile alle ore 17 presso la Saletta ETS (Piazza Carrara 16, Pisa) il volume di Roberto Gatti, Marta Bartoni, Laura Fatini
Un’utopia modesta. Saggio su Albert Camus” – ETS Edizioni.

Intervengono Luigi Alfieri (Università di Urbino), Alberto Pirni (Scuola Superiore Sant’Anna), Carmelo Calabrò (Università di Pisa), Maria Chiara Pievatolo (Università di Pisa), Fabrizio Sciacca (Università di Catania). Modera: Nico De Federicis (Università di Pisa).

Camus, scomodo ieri, relegato ai margini, oggi, in questo saggio un viaggio nell’utopia modesta del grande scrittore francese…
Non ha voluto essere etichettato come filosofo esistenzalista proprio perché ha visto nell’esistenzialismo – con poche eccezioni – un ennesimo esercizio di filosofia astratta, diretta in primo luogo contro altre filosofie, priva della volontà e della capacità di ispirarsi umilmente all’«esperienza vissuta» nella sua concretezza, nelle sue contraddizioni reali, nella sua ricchezza inesauribile, nella sua quotidianità. Né si è trattato, per lui, solo di pensare l’esistenza e l’esistente, ma di partecipare vitalmente a entrambi, di patirli in prima persona e di non separare mai la sua esistenza dall’epoca che ha vissuto, fino al punto in cui l’opera, abbracciando la prassi come cosa sua, diventa sostanza della vita e banco di prova della coerenza tra pensiero e azione. (Dal capitolo L’orrore e il dopo: verso l’utopia modesta)

Gli autori. Marta Bartoni insegna nei Licei e si occupa del dibattito filosofico novecentesco sull’esistenzialismo e sulla filosofia al femminile. Laura Fatini è regista teatrale. Di Camus, ha messo in scena Lo stato d’assedio (2011). Roberto Gatti ha insegnato Filosofia politica nell’Università di Perugia e si occupa di autori e problemi della filosofia politica moderna e contemporanea. Il suo blog: www.robertogatti.net.

By