Giovinco e Favasuli in rimonta. Il Pisa batte il Viareggio (2-1) e si regala L’Aquila

VIAREGGIO – La premiata ditta Giovinco – Favasuli in rimonta danno al Pisa dopo 54 anni il successo per 2-1 sul Viareggio al “Dei Piuni”, rimontando il gol iniziale di Mungo. I nerazzurri a questo punto affronteranno in gara secca la settimana prossima L’Aquila allo stadio “Fattori”.

Nell’ultimo impegno stagione il tecnico Menichini puoò nuovamente contare su Mannini e Mingazzini che rientrano dopo la squalifica, ma deve rinunciare a Rocco Sabato squalificato. Pellegrini nonostante le indicazioni della vigilia parte dalla panchina. Il tecnico nerazzurro apporta una modifica rispetto alla gara di domenica contro il Lecce. Davanti a Provedel la coppia centrale e’ formata da Rozzio e Kosnic con Goldaniga che dopo la buona prova di domenica viene mantenuto sulla destra, mentre Mannini e’ preferito a Martella nel ruolo di quarto a sinistra del pacchetto arretrato di fatto l’unica novita’ dell’undici iniziale. A centrocampo spazio sulla linea mediana a Sampietro, Parfait e capitan Favasuli. Davanti nessun cambiamento rispetto alla gara contro il Lecce con Giovinco che viene schierato un passo indietro rispetto ad Arma e Napoli.

Nelle file bianconere cambiano cinque undicesimi rispetto al match contro il Benevento. il tecnico Cristiano Lucarelli non può disporre di Gemignani e Romeo squalificati. Anche Anedda non recupera e non va neanche in panchina. Il tecnico ex Perugia per questa ultima sfida di campionato schiera tra i pali Furlan con Gazzoli che si accomoda in panchina. In difesa spazio a Nicolao preferito a Falasco con Conson e Piana al centro della difesa. Nella zona nevralgica del campo agiscono Galassi, Mungo e Della Latta. In avanti Benedetti sostituisce lo squalificato Romeo, con Rosafio e Matteini a completare il terzetto di attaccanti che Lucarelli schiera dal 1′ al Dei Pini.

Pronti via. Al 4′ Arma viene steso in area e chiede il rigore. L’arbitro non fischia e sembra aver ragione. Al 9′ dopo un atterramento di Napoli dal limite (Celiento viene ammonito) Gionvico prova a sorprendere Furlan con un calcio di punizione dal limite, la palla sibila il palo e termina sul fondo. La gara si gioca su ritmi blandi, il Pisa sembra spingere di più sull’accelleratore, ma il Viareggio sembra essere ben disposto in campo. Il primo vero pericolo il Pisa lo crea al 16′. Cross perfetto da sinistra di Mannini, Giovinco a due passi dalla porta nei pressi dell’area piccola di testa mette incredibilmente fuori. Poco dopo ci prova Parfait dal limite che elude l’intervento di un paio di avversari ma calcia debole di sinistro: facile la parata di Furlan che blocca a terra la conclusione centrale del camerunese. Il Pisa continua nelle sue azioni manovrate. Al 23′ Giovinco calcia ancora alto, ma è in posizione di offside. E’ ancora Pisa che al 27′ va ancora alla conclusione con Napoli che dal limite però spara altissimo. La svolta del match al 30′ quando Goldaniga stende al limite Benedetti: punizione dal limite. Si incarica di battere il giovane classe ’93 Mungo che con uno splendido tiro a giro, supera la barriera, con la palla che si infila alle spalle di Provedel. Viareggio a sorpresa in vantaggio rispetto a quello che si era visto in campo a quel momento. Il Pisa prova a venire in avanti, ma è il Viareggio che sfiora il raddoppio ancora con Matteini che di sinistro mette sull’esterno della rete. Nel finale del primo tempo (43′) i nerazzurri hanno l’occasione del pari. Punizione di Giovinco, colpo di testa di Kosnic che da due passi mette  alto sopra la traversa. Il primo tempo si chiude sull’1-0 per il Viareggio.

Nella ripresa le due squadre tornano in campo con  la medesima formazione. Il Pisa parte con un buon piglio, ma non è concreto. Arma di testa al 4′ impegna Furlan. Al 10′ finisce sulla lista dei cattivi Napoli che viene ammonito e salterà quindi la prima gara play-off. Menichini effettua il primo cambio poco dopo: dentro Cia e fuori Parfait. Il Viareggio (12′) va vicino al raddoppio con un tiro dal limite di Rosafio che termina di poco alto. Il tecnico però cambia ancora al 16′: dentro Pellegrini fuori Kosnic. Goldaniga torna dunque centrale e Pellegrini va sulla destra del pacchetto arretrato con Mannini che viene spostato più avanti. I frutti del cambio si vedono immediatamente. Proprio dai piedi di Mannini (17′) parte il lancio per la testa di Arma che fa da sponda per  Giovinco che a due passi da Furlan mette di piatto in rete: 1-1 e parità ristabilita. Ed è proprio Giovinco che viene ammonito al 19′ reo secondo l’arbitro di aver simulato in area viareggina. Sulle ali dell’entusiasmo il Pisa trova il raddoppio. Napoli ruba palla al limite, la palla perviene a Cia che serve capitan Favasuli che trova l’angolino appena dentro l’area di rigore con il suo sinistro chirurgico: 2-1 per il Pisa. Mister Lucarelli prova a cambiare qualcosa dentro in pochi minuti Marongiu e Gerevini al posto di Della Latta e Benedetti. Menichini al 34′ toglie Giovinco applauditissimo sia dai tifosi del Pisa che da quelli della sua ex squadra e inserisce Bruno Martella. Partita che nel finale viene controllata dal Pisa che porta a casa un successo che gli consente di andare al “Fattori” di L’Aquila a giocarsi in gara unica l’accesso alle semifinali play-off.

20140504-165702.jpg

You may also like

By