Giulio Sanseverino: “Giochiamo fuori casa ma siamo sempre gli stessi ed il pubblico pisano ad Arezzo ci darà una grossa mano”

PISA – Dopo l’importante gara interna vinta con l’Ancona di Mister Cornacchini, i nerazzurri di Mister Gattuso si sono ritrovati all’Arena per una seduta pomeridiana, in tale contesto ha parlato Giulio Sanseverino, a cui sono state rivolte diverse domande, sia sulla gara, sia sulle sue caratteristiche e sia sul suo arrivo sotto la Torre con un anno di ritardo

di Maurizio Ficeli

Allora, Giulio, già dallo scorso anno sembrava che tu dovessi approdare in nerazzurro,poi ciò non è avvenuto. Come mai?

“Si, effettivamente sembrava fatta per me al Pisa, ma poi alla fine approdai al Savoia”.

Contento di essere qui a Pisa?

“Certo e ne ho anche parlato con Bollino, Goldaniga, Kosnic e Caputo che mi hanno descritto Pisa come una piazza che da rilievo ad un calciatore”

Adesso parliano della gara di sabato sera con l’Ancona…

“Gara dove siano entrati con la giusta concentrazione, il Mister vuole che siano preparati tutti,sia chi gioca e sia chi sta in panchina. Quindi si può sicuramente affermare che le sostituzioni fatte sono state fondamentali in chiave di vittoria”.

Illustraci invece le tue caratteristiche come giocatore…

“Nasco come attaccante esterno adattandomi in seguito a mezzala”

Tu mister Gattuso lo conoscevi gia da Palermo e ti ha voluto fortemente a Pisa,cosa ci puoi dire di lui?

“Mister Gattuso, già a Palermo era molto preparato poi c’è il vice Riccio che è molto informato su tutti i giocatori. C’è da dire che è indubbiamente una bella equipe”.

Come sta la squadra a livello fisico?

“Molto bene ed inoltre stiamo lavorando bene con la concentrazione giusta”.

Ed a livello di posizione in campo come va?

“Personalmente sono contento di giocare in qualsiasi ruolo, fosse per me giocherei anche in porta e sono contento di dare una mano a questa squadra”.

Come centrocampista hai mai giocato davanti alla difesa?

“Ho giocato davanti alla difesa lo scorso anno nel Savoia, però, sinceramente questo è un ruolo che devo conoscere meglio, in quanto non so se posso dare lo stesso rendimento che, magari do in altri ruoli, certo si puo dare sempre di piu per migliorare ancora e poi il risultato ha sorriso al Pisa. Adesso mi sento ad un 80 per cento. Giocare la partita ti permette di entrare in forma”

Riguardo al gioco del Pisa è un po corto…

“Il mister ci chiede di stare corti,ma nella partita con l’Ancona ci siamo abvassati con i centrocampisti,comunque,partita dopo partita si vedono i miglioramenti,abbiamo sofferto di meno e dobbiamo soffrire ancora di meno”.

Ed ora questa trasferta ad Arezzo dove per la prima volta giocate fuori casa…

“Si, giochiamo fuori casa ma siamo sempre gli stessi ed il pubblico pisano anche ad Arezzo ci darà una grossa mano”.

 

By