Giuristi a convegno a Pisa: “Italia Paese guida in Europa”

PISA – Italia Paese guida nell’ambito del Progetto Jeanne Monnet finanziato dalla Unione europea e tendente ad una armonizzazione a livello europeo delle norme regolamentari per quanto attiene agli Investimenti Socialmente Responsabili.

È questo quanto è emerso nel corso del secondo appuntamento svoltosi nei giorni scorsi presso il Polo Piagge dell’Università degli studi di Pisa analizzata nel seminario sotto il profilo strettamente giuridico.

E non può che renderci orgogliosi ascoltare la Prof.ssa Viola Heutger dell’Università di Lucerna, relatrice assieme alla Prof.ssa Gabriella Iermano dell’Università di Pisa che afferma come a livello legislativo, ci sia poco o niente a livello europeo eccezion fatta appunto per il nostro Paese che primo tra i componenti dell’Unione si è dato una disciplina al riguardo già dal 2015. Una posizione di leadership nel settore giuridico per l’Italia confermata dalla Prof.ssa Iermano che ricorda: “Già dal 2006 nel nostro ordinamento giuridico sono state introdotte le imprese sociali, la cui disciplina è stata ampiamente modificata nel 2017 per effetto della Riforma del Terzo Settore, alle quali nel 2015 si sono affiancate le Società Benefit, che hanno condotto al riconoscimento della possibilità di espandere lo scopo tipico delle strutture societarie fino a prevedere statutariamente il perseguimento di uno scopo di tipo benefico che si affianchi a quello di lucro”.

“Argomento toccato anche dall’Avv. Sergio Russo del Foro di Livorno, il quale nel suo intervento conferma: “L’Italia, nell’ambito della Legge Finanziaria 2015, è stata il primo Paese a dotarsi di una disciplina giuridica apposita e che richiama molto quella attuata dal Delaware, che viene considerato come lo Stato leader negli Usa in materia di diritto commerciale”.

By